78 visualizzazioni


Indice dei contenuti

Carla Fiorentino, quarantenne sarda, ci offre il suo personale catalogo di tutto ciò che non solo si impara ad ignorare, ma si capisce di apprezzare appena superata la soglia dei quaranta. In Forty i quarentenni sono dotati di superpoteri, iniziano finalmente a non curarsi delle conseguenze delle piccole azioni quotidiane, elaborano un nuovo elisir di lunga vita chiamato acqua e limone, si affidano alle camminate per tenere in salute un corpo che soffre dei primi acciacchi. E cosa dire del gastrofanatismo o del sesso che finalmente smette di essere una perfomance. Un’acuta ed esilarante riflessione ricca di riferimenti a libri, musica e spunti di riflessione.

Generazioni a confronto: Forty

In questo ultimo mese ho letto un romanzo contemporaneo che parla di tarda adolescenza e una raccolta di racconti scritti da trentenni. A chiudere in qualche modo questo cerchio ecco che arriva Forty di Carla Fiorentino appena pubblicato da Fandango Libri.
Così, in qualche modo, ho “messo in fila” tre generazioni: X millennial, Z.
Ognuna ovviamente con le sue peculiarità, sicurezze e insicurezze. Ognuna meravigliosamente umana.

Sottotitolo

Quanto a Forty, il suo sottolitolo recita: Viaggio semiserio nei superpoteri dei quarantenni.

Viaggio: alla ricerca di ciò che rende i quarantenni, quarantenni.

Semiserio: senza prendersi troppo sul serio, sapendo che si possono dire cose imoortanti anche col sorriso.

Superpoteri: le mitiche caratteristiche dei supereroi, degli dei e dei forty-years-old.

Quarantenni: meravigliosa classificazione di cui faccio parte da pochi anni e in cui – malgrado qualche dolorino e acciacco – mi trovo proprio a mio agio.

Risultato complessivo: un itinerario divertente e ironico su come i quarantenni – attraverso il rapporto con sé stessi, con gli altri e l’ambiente circostante – interpretano il loro esistere e agire negli -anta.

Scoprirsi dotati di superpoteri

Così mi sono scoperto dotato di superpoteri straordinari (se non lo sono del resto non sono superpoteri) come quelli dei supereroi dei fumetti e del cinema. Alcuni sono latenti anche nelle precedenti fasi della vita e in quelle successive, ma è proprio durante questi anni che, con un click, appaiono nella loro piena potenza deflagrante.

I superpoteri dei Forty

Venti, tanti sono questi superpoteri, che riporto così come sono presentati nell’indice e che lascio così, appositamente un po’ criptici.

  1. Me ne frego
  2. Cammina che ti passa
  3. L’elisir dei quarantenni
  4. Snobberia alcolica
  5. Gastrofanatismo
  6. Acquista con un click
  7. La tana dei quarantenni
  8. A colpi di schiumarola
  9. Supergenitori
  10. I supereroi non dormono
  11. Toglietemi tutto ma non il divano
  12. Il sesso vero comincia a 40 anni
  13. Singlitudine
  14. Alla ricerca del tempo libero
  15. Verdismo
  16. Il marketing della nostalgia
  17. Eppur si muore
  18. Chi chiagne fotte a chi rire
  19. Non chiamateci signori
  20. Sì, viaggiare

Quelli in cui mi sono riconosciuto di più – anche con espressioni colorite “#@&* siiiii è vero! @@## vedi che non sono solo io, lo sapevo #@#” – sono: Alla ricerca del tempo libero, Toglietemi tutto ma non il divano, Camminare ma soprattutto il sommo Me ne frego! Che, scusando il termine, è il mio personale “Cazzo mene” (scritto attaccato) o anche il “Sempre avanti senza vergogna.”

Nel mezzo del cammin di nostra vita

Insomma, una riflessione ironica e divertente su quello che è il “cammin di nostra vita.”
Un’età, aggiungerei, anche di bilanci e perché no di rilanci e/o slanci.
Una fase che personalmente sto amando molto, l’unica che per i miei 40 anni ho festeggiato con una grande festa, invitando – me ne frego – solo ed esclusivamente chi mi andava.

Conclusioni

Una sorta di stand up comedy – Questo piccolo librino – ispirato da una serie di podcast editi da Emmons che andrò a recuperare. Alla ricerca di altri superpoteri ovviamente.

Leggersi Leggendo

“La lettura è un rapporto con noi stessi e non solo col libro, col nostro mondo interiore attraverso il mondo che il libro ci apre.”
Italo Calvino.

Appassionato di lettura; accumulatore seriale di libri. Quarantenne felice: papà e compagno fortunato.
Laureato in egittologia, faccio il project manager per campare.
Spero di trasmettervi le mie passioni attraverso le recensioni che troverete qui. Dentro c’è una anche una parte di me.




Fonte: Magozine.it