Ottobre 29, 2021
Da Il Manifesto
45 visualizzazioni


Anguillara Veneta, paese di poco più di 4mila abitanti sprofondato nella Bassa Padovana, si è trovata ieri mattina con il municipio ricoperto di vernice e con qualche carrellata di sterco davanti alla porta.

L’azione è stata rivendicata dalle attiviste e gli attivisti della rete Rise Up 4 Climate Justice che hanno tappezzato il paese di scritte «Fora Bolsonaro!». Un modo diretto e colorito per spiegare al presidente brasiliano che la sua visita, prevista per la mattinata di lunedì 1 novembre, non è affatto gradita a chi combatte i cambiamenti climatici.

E anche per far capire alla sindaca leghista del paese, Alessandra Buoso, che non era il caso di concedere la cittadinanza ad honorem a un politico contro cui è in atto alla Corte internazionale dell’Aja un procedimento per istigazione al genocidio delle popolazioni indigene dell’Amazzonia.

La notizia del conferimento della cittadinanza di Anguillara – paese di nascita del bisnonno del presidente – a un discusso uomo politico come Jair Bolsonaro ha sollevato il classico vespaio di proteste, non solo nel Veneto ma anche in tutta Europa.

La stessa sindaca ha cercato di smorzare le polemiche attenuando i toni entusiastici dei primi comunicati. «Conferendo la cittadinanza al presidente Bolsonaro – ha spiegato Buoso – intendiamo conferire idealmente questo onore a tutti i nostri migranti che hanno preso la via del Brasile».

Una lettura subito smentita dalle opposizioni in consiglio comunale che hanno fatto notare come nella delibera non si faccia nessun accenno ai nostri emigrati ma si citi solo ed esclusivamente Bolsonaro.

D’altra parte, l’esaltazione della Lega per il presidente brasiliano, bisnipote di un veneto doc, si è manifestata sin dal giorno delle sua elezione, quando i consiglieri regionali del Carroccio si sono fatti immortalare felici e contenti mentre reggevano uno striscione con la scritta «Bolsonaro orgoglio veneto» sullo sfondo del Canal Grande.

Orgoglio che oggi soltanto i leghisti continuano imperterriti a manifestare, rilanciando il tweet preparato dal loro deputato Luis Roberto Lorenzato, non a caso eletto nella circoscrizione estera del Sudamerica, che ritrae un Bolsonaro sorridente accanto alla scritta «L’Italia nel cuore, il Brasile sopra tutto, dio sopra tutti».

Lorenzato è il vero artefice di questa operazione mediatica che gioca sulle emozioni del ritorno alla terra degli avi e sulla fede religiosa.

Dopo Anguillara, il primo cittadino brasiliano raggiungerà Padova per pregare nella Basilica di sant’Antonio, santo di lingua portoghese molto venerato in Brasile. Ma, nonostante le pressioni di Lorenzato e dei consiglieri leghisti in Regione, l’amministrazione di centrosinistra di Padova ha già fatto sapere che considera il presidente un ospite poco gradito e che non sarà ricevuto in Comune.

Non solo. Anche i frati francescani hanno annunciato che, pur non potendo impedire a Bolsonaro di pregare nella basilica, non hanno la minima intenzione di accoglierlo, né in forma ufficiale né privata, e che, per dirla tutta, loro stanno dalla parte degli indigeni.

In Prato della Valle insomma, ad attendere il presidente brasiliano ci sarà solo la Lega. La Lega e gli attivisti degli spazi sociali del nord est, ma con fini radicalmente opposti. «Perché contestiamo Bolsonaro? – spiega Rolando Lutterotti – Perché è una sintesi perfetta di tutti i mali contro cui lottiamo: ha consentito le aggressioni agli indigeni, ha incendiato e deforestato l’Amazzonia consegnandola alle multinazionali del legno e dei fossili, nega i cambiamenti climatici, si dichiara razzista e omofobo, e come se non bastasse, la sua gestione della pandemia ha causato almeno 600mila morti in Brasile. Ce n’è a sufficienza, mi pare, per contestare questo Hitler del nostro secolo».

In piazza anche Europa Verde che lunedì mattina sarà ad Anguillara per distribuire volantini informativi sui crimini compiuti da Bolsonaro verso l’ambiente e le popolazioni indigene.

«La cittadinanza a un personaggio come Bolsonaro è uno schiaffo alla memoria delle molteplici vittime dell’azione politica spregiudicata di questo politico – spiega l’ambientalista Paolo Perlasca -. Europa Verde è pronta a ricorrere in Tribunale per annullare questa decisione».




Fonte: Ilmanifesto.it