Gennaio 12, 2022
Da Umanita Nova
118 visualizzazioni

Finita l’ubriacatura delle feste torna la vita di sempre. I problemi di sempre, forse un po’ più brutti. Non ci saranno feste per un bel po’, a scuola si chiuderanno i quadrimestri, l’inverno si fa sentire un po’ di più. E questa volta è peggio. I contagi tornano ad
aumentare, le scuole sono nel caos, vaccini e tamponi vengono gestiti come si si fosse alla fiera della porchetta de “lì castelli”. I
signori del Palazzo si dicono più preoccupati dell’elezione del Presidente della Repubblica che di avere morti ed infortuni sul
lavoro, fabbriche che chiudono, ed una classe politica che non saprebbe organizzare neanche un torneo di briscola.

Gennaio è un mese cattivo. E’ dura star fuori a presidiare una fabbrica che chiude (a Jesi, la Caterpillar), a tornare negli
scafandri dei reparti Covid perché assessori e governanti, ministri e dirigenti hanno saputo mostrare il meglio del loro credo ideologico e classista: tutelare i profitti, infischiandosene di chi sta peggio. Il problema è la DAD? O un sistema scolastico strangolato da più di trent’anni cui si chiede oggi di rendersi complice di una gestione catastrofica della pandemia.

Si fa la fila per i vaccini. Si fa la fila per i tamponi; fuori, al freddo e al gelo. Si fa la fila per gli ospedali intasati e le
farmacie assaltate. Poteva essere evitato tutto questo? No, perché è stato deliberatamente e ideologicamente organizzato da una classe politica che ha a cuore di tutelare solo i mercati e i mercanti, il profitto e i profittatori. Gli ultimi stiano fuori al freddo e al gelo, sicuramente è colpa loro, non nostra.

Gennaio è un mese che indurisce i cuori. Di tutti. Di coloro che hanno i cari ammalati di Covid, di lavoro, o che li hanno perduti. Ne parliamo anche per ricordare nostri compagni che hanno scelto gennaio per lasciarci. E’ già un anno che manca a tutti Francesco Contigiani.
Negli stessi giorni, in tempi passati sono mancati Laura Ghiglianovic, Donato Romito, Cotichelli Luigi. Compagne e compagni impegnati nel rendere quotidiana l’idea di una società migliore, libera dai profittatori delle pandemie di ogni tempo.

Gennaio è un mese duro, e non fa sconti a nessuno. Neanche al nostro cuore di compagne e compagni anarchici. Gennaio però è pur sempre un mese, e finirà. Ci farà più spazio alla speranza ed alla fiducia, e il cuore pesante batterà più forte per ricordare chi non c’è più cercando di migliorare un mondo che non è brutto, ma è popolato da persone e
modelli brutti. Si chiamano padroni e profitto, e contro di loro, anche per Checco, Lalla, Donato e Luigi, continueremo a lottare.
Fuori, al freddo e al gelo, davanti alle fabbriche, davanti alle scuole e agli ospedali. Ovunque.

FAI – Federazione Anarchica Italiana
sez. “M. Bakunin” – Jesi
sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle




Fonte: Umanitanova.org