Settembre 1, 2021
Da Le Maquis
101 visualizzazioni


Edito da Eleuthera, Milano, 2012, 176 p.

Roma, quartiere Trionfale, via Andrea Doria. È il 10 novembre del 1931. Costretto ai domiciliari – una bombola di ossigeno accanto al letto e due poliziotti sul pianerottolo – un vecchio ripensa, senza nostalgie e senza rimpianti, a una straordinaria esistenza di complotti, fughe, scioperi e insurrezioni. E i ricordi si fanno teatro della memoria, arma politica. Nell’arco di una giornata scandita dal battito di una pendola bugiarda, l’uomo acclamato come il “Lenin d’Italia” rivede l’intera sua vita e ancora se ne stupisce: i giorni della Banda del Matese e le carceri del regno, l’esilio a Londra e l’avventura in Argentina, il ritorno da clandestino e le occupazioni del “biennio rosso”. Sessant’anni di anarchia, rivolte, rivoluzioni, si intrecciano con la storia d’Italia e con le battaglie del movimento operaio in tutto il mondo. Stremato dalla vecchiaia, e dai fascisti, il vecchio ricorda e resta sereno. Non ha mai vinto, ma non si sente sconfitto. E non ha voglia di stare tranquillo.

Link Download: https://mega.nz/file/ec4XkSwL#0xOrMAd1XnMf-D6F3g82mLvhxHcmgOM7T_3c7jkwJvE




Fonte: Lemaquis.noblogs.org