Dicembre 16, 2021
Da Radio Blackout
214 visualizzazioni

Una diretta che è stata come una bevuta al bar. A circa due settimane dallo sgombero del Campetto Occupato di Giulianova ci rimettiamo in contatto con un compagno della cittadina abruzzese per farci raccontare il corteo dell’11 dicembre e la nascita della nuova occupazione. Tra analisi e aneddoti, abbiamo ripercorso non solo gli eventi delle ultime settimane ma anche le radici della grande solidarietà ricevuta dopo lo sgombero e dopo la dichiarazioni di guerra da parte della Lega (con una sbandierata interrogazione parlamentare e una minaccia di corteo nazionale per la legalità!).

Non si può sintetizzare, dovete ascoltarvela. Vi diciamo solo che non vediamo l’ora di andarci (non solo come tappa per andare in Salento).





Fonte: Radioblackout.org