Novembre 21, 2020
Da Infospazio 161
124 visualizzazioni


18 novembre 2020

La locandina dell’iniziativa

Ieri gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado hanno messo in scena dei flash-mob davanti ad alcuni istituti cittadini. Si tratta di un’iniziativa nazionale concordata con Priorita alla scuola e Ridateci il futuro, e condotta a Verona dalla Rete degli Studenti Medi.

Essi rivendicano il diritto al tornare nelle aule in presenza, per evitare che, come scrivono in un comunicato stampa, “un’emergenza ne crei un’altra”.

 Non si tratta nè di sottovalutare la pandemia, ma semplicemente di agire con un minimo di buon senso e alla luce dei dati che certificano la scuola come luogo

Ma perché sacrificare la scuola e mettere in gioco il futuro di ragazzi che già hanno pagato un alto prezzo durante la prima ondata di emergenza sanitaria? Perché creare i presupposti per un ulteriore aumenti dell’abbandono scolastico? La scuola dovrebbe essere uno strumento per dare la possibilità a tutte e tutti di non rimanere indietro, riuscendo a colmare le differenze sociali che sono create dal mondo degli adulti e che i ragazzi subiscono loro malgrado. Nemmono in condizioni normali questo principio basilare è sempre garantito, e figuriamoci cosa può accadere in regime di didattica a distanza, quando non tutti partono dalle stesse condizioni, perché alcune famiglie non hanno la connessione internet, altre non hanno il denaro per acquistare i computer o i tablet, e altre ancora vivono in spazi così ristretti da non permettere una soluzione adeguata per seguire le  lezioni.

Ma la scuola è anche fucina di socialità, una necessità alla quale i giovani hanno già rinunciato per diversi mesi e alla quale, proprio per la loro formazione e il loro benessere, non possono rinunciare nuovamente.

Non si tratta di egoismo, come qualcuno potrebbe pensare, perché il presupposto dal quele parte il nostro ragionamento, lo ricordiamo, sono sempre e solo i dati del contagio nelle scuole, forniti dalle autorità competenti.

Tutti devono fare la loro parte, si continua a ripetere, ma pare sia un messaggio inascoltato. Prestando ancora attenzione ai dati è stato ampiamente chiarito che i contagi che si verificano tra gli studenti, e non solo, sono dovuti al mancato adeguamento del trasporto pubblico.

L’estate scorsa sarebbe stato il momento delle scelte e delle azioni e invece, pre quanto riguarda questa tematica, si è forse preferito pensare che il problema non si sarebbe ripresentato.

Il governo era troppo impegnato nel glorificare la mignificenza del caso Italia, così risolutivo nello sconfiggere l’epidenia da apparire ormai un modello vincente e studiato nel mondo. L’opposizione si spingeva a dichiarazioni pericolose affermando che il virus non esisteva più, o era talmente depotenziato da rendere inutili le mascherine. Entrambi minimizzavano la possibilità di un ritorno dell’emergenza, troppo occupati nel favorire la stagione turistica e a far ripartire gli affari. Chi provava a mettere in guardia dal facile ottimismo, scienziati compresi, veniva ignorato o additato come corvo terrorista.

E’ stato questo il brodo nel quale alcune prevenzioni dirimenti sono state accantonate, salvo poi, all’ultimo momento, cercare di porvi parzialmente rimedio con ordinanze e decreti framcamente ridicoli. La capienza sui trasporti pubblici ridotta all’80%, (mica poco tra l’altro) senza nemmeno indicare chi e come avrebbe potuto effettivamente controllare l’afflusso delle persone ne è forse l’emblema. Il braccio di ferro tra Regioni e Governo nell’occasione è riaffiorato dirompente ed è stato risolto con compromessi mai all’altezza della situazione.

Difficile anche attribuire le responsabilità di tutti questi errori e delle sottovalutazioni. Le regioni accusano il governo, che sicuramente ha delle colpe, dimenticando però che la riforma del titolo quinto delega proprio alle regioni tematiche come quelle inerenti il trasporto pubblico, devolvendo ad esse il denaro necessario.

In fondo sarebbe forse bastato stipulare convenzioni tra regioni e ditte private del trasporto turistiche, concedendo loro un adeguato compenso in un momento nel quale sono totalmente inattive.

Lo scontro tra regioni e stato centrale è del tutto incacettabile ma con esso si raggiunge il torbido obiettivo di nascondere le responsabilità, di non far uscire la polvere da sotto il tappeto.

A farne le spese sono stati i contagiati, e purtroppo i molti morti, che nella prima ondata si sono registrati a Bergamo e in gran parte della Lombardia, a causa della mancata chiusura della Val Seriana, oggetto di un rimpallo di responsabilità che ha eretto una vera e propria cortina fumogena.

Oggi invece, per le stesse identiche modalità, nè pagano il conto gran parte dei ragazzi, costretti ad una didattica a distanza che li preclude alla socialità, ad una formazione adeguata e, in alcuni casi, allo stesso diritto allo studio sancito nella Costituzione.

Gli studenti, con le loro iniziative di ieri in tutta Italia, chiedono se, almeno ora, si stanno prendendo quei provvedimenti che sono mancati fino ad oggi per tornare nelle aule in prsenza e in sicurezza…Toc, Toc, Toc…C’è qualcuno nei Palazzi dove si prendono le decisioni? Qualcuno risponde? O dovranno buttare giù la porta?

(le foto sono state tratte dalla pagina facebook di Rete Studenti Medi Verona)

COMUNICATI STAMPA:

17.11.15 Rete degli Studenti Medi Verona – #Ancora_dimenticati

RASSEGNA STAMPA:

20.11.17 Veronasera – “La scuola si fa a scuola”. Sit-in di protesta davanti agli istituti chiusi”.




Fonte: Infospazio161.noblogs.org