Agosto 4, 2022
Da Ricercatori Senza Padroni
229 visualizzazioni

Sanità, l’ex Ministro De Lorenzo: «Regionalismo ha creato diseguaglianze. Occorre intervenire con poteri sostitutivi»

Pensavate che noi anarchici (soprattutto), ci dimenticavamo, in tempi di terrorismo psicologico e vaccinazioni obbligatorie, di quella merda opportunista senza etica e morale, del ministro Francesco De Lorenzo?

Ma andiamo ad analizzare chi era quel massomafioso (magna magna),del ministro De Lorenzo.

Per capire meglio il problema bisogna risalire agli inizi degli anni ’90, quando il mondo politico italiano è scosso dall’inchiesta “Mani Pulite”: il ministro della salute De Lorenzo viene accusato di voto di scambio e nel pieno della tormenta che colpisce la classe politica, spuntano come funghi casi di Aids ed epatite C, in seguito a trasfusioni di sangue infetto somministrato negli ospedali di tutta Italia.

strage del sangue infetto tutti assolti

Ma nonostante l’evidente gravità della situazione, l’Istituto Superiore della Sanità continua ciecamente a rassicurare la popolazione sull’irrilevanza del fenomeno. Tutto ciò mentre non solo in Europa, ma in tutto il mondo, scoppia lo scandalo degli emoderivati infetti. Diverse aziende farmaceutiche internazionali vengono accusate di aver sottovalutato, se non addirittura nascosto il problema (per il proprio business, per futili interessi personali). A riprova di ciò, negli anni sono emersi documenti interni che dimostrano la consapevolezza e il coinvolgimento di funzionari e dirigenti corrotti.

La ‘verità’ di Mattia Feltri su Duilio Poggiolini

Intanto in Italia, Duilio Poggiolini, che guida la Commissione Nazionale Unica sui Farmaci, viene coinvolto insieme al Ministro della Sanità De Lorenzo nella Tangentopoli dei farmaci. L’inchiesta prende il via in seguito alle dichiarazioni di Giovanni Marone, segretario dell’ex ministro della sanità De Lorenzo, che parla appunto, di tangenti al ministro e ai partiti versate per creare un contesto amministrativo il più possibile favorevole ai profitti. Poggiolini sotto processo confessa tutto, facendo emergere uno scandalo di malasanità di proporzioni enormi, che distruggerà (temporaneamente…), la credibilità dell’industria farmaceutica.

Nello stesso periodo, alla procura di Trento, a carico di Poggiolini e dei dirigenti di aziende farmaceutiche, si apre un altro fronte di inchiesta, quello degli emoderivati infetti.

Le indagini, iniziate alla Procura di Trento, sono state sviluppate dalla Procura di Roma per poi confluire alla Procura di Napoli.

Nel 2007  il gup di Napoli rideterminò le accuse di epidemia colposa (prescritte), ordinando l’imputazione coatta per omicidio colposo plurimo, reato che non cade in prescrizione (le morti sono avvenute anche moltissimi anni dopo i contagi). Ma questi assassini, con la loro logica delle tangenti e il loro sistema di accaparrarsi (comprarsi) le gare d’appalto (peggio della mafia…), solo dopo 23 anni e non si capisce la logica, né il perché, vengono assolti a Napoli con la sentenza di primo grado, che assolve gli imputati perché “il fatto non sussiste” (bastardi impuniti: si sono comprati anche i giudici!).

Ma puntualizziamo che, prima dei danni sanitari e sociali combinati da De Lorenzo e Poggiolini, nel 1975 è stata pubblicata la relazione della Commissione Rockefeller (!?), che rivelò ufficialmente che la CIA e il Dipartimento della Difesa, avevano condotto esperimenti su soggetti umani, con o senza il loro consenso, come parte di un programma volto a influenzare soggetti umani attraverso l’ uso di sostanze psicotrope, nonché con altri mezzi psicologici, chimici, fisici, elettrici.

https://int.artloft.co/it/what-is-the-project-mkultra-the-mind-control-program-of-the-cia/

Il 3 ottobre 1995, il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton è costretto a scusarsi pubblicamente per gli esperimenti avvenuti e fa pubblicare in quei giorni molti archivi segreti. Ma alcuni passaggi di questi documenti sono cancellati col pennarello nero: gli esperimenti sugli esseri umani erano spesso praticati all’insaputa dei soggetti scelti e avevano lo scopo di sviluppare tecniche da utilizzare durante gli interrogatori e le torture operate dall’esercito o dai servizi segreti, possibilmente con farmaci, indebolendo l’individuo e forzando confessioni attraverso il controllo mentale. Tali esperimenti prevedevano l’uso di ipnosi, onde sonore (come il sottoprogetto 54) ed elettromagnetiche (come il sottoprogetto 119), sieri della verità, messaggi subliminali, pressione sonora, sostanze psicotrope (soprattutto LSD) e numerosi altri metodi per manipolare gli stati mentali delle persone scelte e alterare le funzioni cerebrali, comprese pratiche di privazione

sensoriale, isolamento, elettroshock, lobotomia, abusi verbali e sessuali, minacce, aborti forzati, cosi come varie forme di traumi e torture. Documenti recuperati testimoniano che la CIA ha

somministrato LSD, fenciclidina, scopolamina ed elettroshock al fine di controllare le menti dei soggetti sottoposti. Le cavie erano (guarda caso): orfani abbandonati negli orfanatrofi del Vaticano, andicappati, prostitute, detenuti, e tossicodipendenti…

Ma la cosa più assurda in tutto questo contesto sociale massomafioso, è stato il fatto che  al ministro della sanità Francesco De Lorenzo, nonostante lo avessero beccato a rubare (tangentopoli), gli hanno fatto ricoprire anche il ruolo di consigliere del Comune di Napoli (dal 1975 al 1993), per poi riciclarlo anche come componente della commissione Antimafia (assurdo, si è comprato tutti!).

Proprio lui, come componente della commissione Antimafia, lui che era massone e usava la mafia ignorante per fargli fare i lavori sporchi e si faceva pagare dalle multinazionali che volevano accaparrarsi le gare d’appalto dello stato e pagavano di più.

Ricordiamoci che Falcone aveva coniato la parola ‘massomafia‘ come gerarchia sociale, facendo capire che il problema non era  la mafia, che nasce in un contesto di sopravvivenza e ignoranza, ma la massoneria (monarchia, nobiltà, aristocrazia), alla quale ha fatto comodo lasciare la mafia ignorante, per fargli fare i lavori sporchi sottopagati (in nero), per arricchirsi sempre di più.

Ma che piano militare portava avanti quel verme viscido, senza scrupoli, massoborghese del ministro De Lorenzo?

Nel 1989 Il ministro della sanità De Lorenzo, viene coinvolto nello scandalo di Tangentopoli e viene condannato a 5 anni per associazione a delinquere finalizzata al finanziamento illecito ai partiti e corruzione in relazione a tangenti per un valore complessivo di circa 9 miliardi di lire, in parte ottenute da industriali farmaceutici…

Ma nonostante tangentopoli, la carriera di quel porco arrivista,  non è finita qua!!  Ricopriva troppe cariche importanti, ecco perché ha combinato di tutto, creando (anche sulla pelle di ignari cittadini), business per lui e il suo partito. Con lui nasce anche il Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri (loggia massonica in stile P2), mentre dal 1999 diventa anche ministro della sanità. Ma non è finita qua, questo ministro della sanità ingordo e  impunito, nonostante che negli anni ’80 lo avevano accusato per aver rubato miliardi alla società (noi) e ai servizi sociali, aveva anche il vitalizio, e solo nel 2015 il vitalizio gli è stato revocato.

A questo punto specifichiamo (per capire meglio come è grande il problema), che sempre in quell’anno, il vitalizio è stato revocato non solo a De Lorenzo, ma anche a 8 ex senatori condannati: Silvio Berlusconi (FI) condannato per corruzione, finanziamento illecito ai partiti, falso in bilancio e appropriazione indebita; corruzione dell’avvocato David Mills; corruzione del senatore De Gregorio. Poi tra i senatori c’era anche Marcello Dell’Utri (ex Popolo della Libertà e  Forza Italia, ex membro del Parlamento europeo), Vittorio Cecchi Gori (ex senatore nel Partito Popolare Italiano), il regista Pasquale Squitieri (senatore di  Alleanza Nazionale, Polo per le Libertà, iscritto al Partito Radicale Transnazionale), l’ex senatore Dc Giorgio Moschetti, Franco Righetti (ex Margherita), Enzo Inzerillo (ex dc), Franco Girfatti (Forza Italia). La Camera invece ha revocato il vitalizio a 10 ex deputati: Massimo Abbatangelo (ex deputato di Msi), Giancarlo Cito (ex sindaco di Taranto, ex Msi, oggi in Fi), Robinio Costi (ex Psdi); Massimo De Carolis (ex Dc); Giulio Di Donato (Ex Psi); Pietro Longo (Ex Psdi); Raffaele Mastrantuono (ex Psi); Gianstefano Milani (ex Psi) e Gianmario Pellizzari (ex Dc), Cesare Previti (Ministro della difesa nel governo Berlusconi I) e Giuseppe Ciarrapico (Popolo della Libertà).

Tra destra e sinistra, ‘sti borghesi massoni esosi, sono peggio della mafia! Sono lì a fare i politici solo perché hanno capito che possono rubare a mani basse e rimanere sempre impuniti. Si sono candidati in politica solo per arricchirsi anche coi soldi pubblici (soldi che dovevano essere destinati alla povera gente, che soffre perché, grazie allo stato, è ridotta in condizione di sopravvivenza), non glie ne frega niente delle nostre condizioni sociali, della povera gente a cui non è rimasto nessun diritto (ci hanno tolto perfino lo statuto dei lavoratori), meno male che noi Anarchici, per rimanere coerenti non votiamo.

I nostri politici papponi, sono convinti che coi soldi rubati, possono comperarsi anche l’impunità! Figuriamoci cosa non si inventano, adesso che stanno arrivando 250 miliardi di euro dall’Europa, il PNNR…

Ma non è finita qua! Anche per più di 200 ex senatori ottantenni, che hanno rubato con la logica e il sistema di tangentopoli e la logica della Dc – compromesso storico con destra e sinistra al potere politico, la Camera e il Senato, cancella a questi criminali le condanne dal casellario giudiziario!!!

Poi capita, come a una signora che abbiamo conosciuto personalmente, una donna che veniva dal sottoproletariato (costretti a rubare per sopravvivere), che negli anni ’60 aveva rubato una gallina (suo marito era detenuto), per portare da mangiare ai suoi figli (ne aveva avuti 13), ed era stata arrestata e condannata a 6 mesi di galera!!!

Ma nonostante tutti i danni e il business che ha fatto il ministro alla Sanità De Lorenzo a cominciare dal 1985, diventò pure presidente dell’Associazione Nazionale Lotta all’AIDS “ANLAIDS” (chissà che esperimenti ha attuato, approfittando delle disgrazie e delle condizioni sociali della povera gente…).

Come potevamo non ricordarci di quella merda di De Lorenzo e di quello che ha combinato insieme a Poggiolini: ex dirigente pubblico italiano, direttore generale del servizio farmaceutico nazionale e ministro della Sanità, coinvolto nell’inchiesta Mani Pulite (tangentopoli), condannato in via definitiva, era membro della P2 (loggia massonica formata anche da carabinieri), nel 1991 riuscirono a rendere obbligatorio il vaccino per l’epatite B intascando una tangente di 600.000.000 di lire dalla Glaxo-SmithKline per rendere il vaccino obbligatorio anche in Italia, e per questo sono stati condannati. Ma quel vaccino resta ancora negli obblighi. Non vogliamo sconsigliare vivamente le varie vaccinazioni obbligatorie come quella del Covid 19, ognuno è libero di farsi iniettare qualsiasi cosa nel proprio organismo, ma il dubbio che anch’esse siano dettate solo da interessi economici, visti i precedenti, rimane molto forte.

I reati per cui sono stati condannati i  ministri papponi sono: corruzione e concussione negli anni 1982-’92, quando rivestivano  posizioni importanti nell’ambito della pubblica amministrazione, percependo somme da numerose case farmaceutiche, producendo un danno erariale derivato dalla ingiustificata lievitazione della spesa farmaceutica, determinata dalla violazione degli obblighi di servizio e da illecite interferenze nei procedimenti amministrativi di determinazione e revisione dei prezzi dei farmaci in sede Cip e della loro registrazione e/o classificazione nel prontuario terapeutico. Vengono confermate le condanne anche all’ex segretario del ministro Giovanni Marone, ad  Antonio Brenna (presidente della Cip farmaci), e a Antonio Boccia, componente della Cip farmaci, a  Elio Guido Rondanelli (dipendente del ministero) e Pier Carlo Muzio (componente del Cip farmaci).

Nel 2012 viene pubblicata la sentenza dove si sottolinea il danno alle persone comuni che hanno creduto nella sanità e sono morte a causa delle vaccinazioni!

Ma, come era prevedibile, nel 2019 questi impuniti come Duilio Poggiolini, direttore generale del servizio farmaceutico del Ministero della Sanità negli anni ’90 e membro della loggia P2, insieme ad altri 9 imputati tra dirigenti e tecnici dell’azienda farmaceutica Marcucci, sono stati assolti dal tribunale di Napoli dall’accusa di essere responsabili dei decessi causati dalla immissione sul mercato di farmaci emoderivati di dubbia provenienza. Dopo 23 anni, nessun colpevole per quei circa 600 morti di Hiv ed Epatite C causati da emoderivati infetti e per le 2600 persone che si sono ammalate di queste patologie, non hanno pagato neanche coloro che avevano la responsabilità giuridica e morale, e non hanno vigilato, perché si son fatti pagare per chiudere gli occhi.

Modena City Ramblers – I Cento Passi https://www.youtube.com/watch?v=KUpcxdg2Iqs

Ricordiamoci sempre di Giuseppe Pinelli, compagno Anarchico che è stato ucciso nel 1969 dagli sbirri maledetti, che lo hanno torturato e buttato giù dalla finestra della questura di Milano, perché non confermava quello che volevano loro (che la strage di piazza Fontana l’aveva fatta lui), ma lui, coraggiosamente, non ha ceduto anzi, insisteva a dichiarare che la strage era stata fatta da loro, organizzata dallo stato (strategia della tensione) e i venduti bastardi senza etica e morale lo hanno fatto tacere buttandolo giù dalla finestra. Ma Pinelli vive ancora e urla la sua rabbia attraverso le nostre lotte contro le ingiustizie e la violenza dello stato. D’altronde il pensiero comune è quello che: se non facevano gli sbirri facevano i mafiosi, ma la logica è sempre la stessa, deriva dalla cultura dei gabellotti (1812), che erano le guardie dell’aristocrazia latifondista (massomafia).

Vi consigliamo di vedere questo interessante video

https://www.rai.it/programmi/report/inchieste/Effetti-collaterali-51828c6a-e3aa-427e-b7e1-6545ab465603.html

Pagherete caro borghesi cattofascisti, per tutti i danni sociali che avete compiuto per arricchirvi (eravate già ricchi, quindi non avevate bisogno di rubare), non avete avuto scrupoli a sperimentare vaccini su bambini, anziani, giovani, persone svantaggiate, che provenivano da condizioni sociali difficili e svantaggiate, gli avete imposto vaccini e farmaci, come per l’epatite B, che colpiva soprattutto (guarda caso) i tossicodipendenti. Vaccini creati con virus vivi modificati  geneticamente, creati in laboratori dove mutano col tempo, in virus ancora più pericolosi, come il virus dell’Aids.

Ora noi ci chiediamo: ma chi ha pagato i cinesi (perché costavano meno), per creare in laboratorio il Covid 19?

Meditate mediocri, meditate…

Solidarietà ai compagni Anarchici utopisti sognatori e incompresi, arrestati in questo mondo falso, ipocrita, crudele, senza scrupoli e senza sogni.

Solidarietà agli Anarchici di Bologna che, essendo sotto attacco da un sindaco fascista (alla faccia della Costituzione antifascista del 1946), che vuole sgomberare la sede dello storico circolo anarchico Berneri.

Solidarietà agli anarchici che lottano in Valsusa.

Sole e Baleno vivono e combattono sempre insieme a noi, le nostre idee non cambieranno mai.

La libertà che noi vogliamo,

per noi e per gli altri, non è la libertà assoluta,

astratta, metafisica, che in pratica si traduce

fatalmente in oppressione del debole;

ma è la libertà reale, la libertà possibile,

che è la comunanza cosciente degli interessi,

la solidarietà volontaria.

Errico Malatesta

Cultura dal basso contro i poteri forti

Rsp (individualità Anarchiche)




Fonte: Ricercatorisenzapadroni.noblogs.org