Novembre 11, 2022
Da Libertà è Partecip/Azione Diretta
210 visualizzazioni

Oggi siamo tutti
progressivamente privati delle nostre capacità di genere e messi di continuo alla
mercé di una macchina o delle decisioni di uno specialista. In questo modo stiamo
man mano perdendo l’utilizzo di funzioni vitali. Forse non ce ne rendiamo conto,
ma nel mondo incivilito abbiamo perso l’uso dei piedi. Se ci togliamo le scarpe
non siamo più in grado di muoverci … Forse non ce ne rendiamo conto, ma nel mondo
incivilito non siamo più in grado di provvedere autonomamente alla nostra sussistenza:
non riusciamo più a riconoscere una pozza d’acqua potabile da una inquinata; non
riusciamo più a distinguere un fungo velenoso da uno commestibile; non siamo più
in grado di proteggerci dal freddo, di difenderci da soli, di riconoscere bacche,
radici e altri vegetali indispensabili al nostro nutrimento … Siamo insomma diventati
dei disabili. Nel mondo incivilito siamo come dei polli in batteria: se si interrompe
il flusso di mangime lo scenario è il collasso. E tanto più diventeremo dipendenti
dal flusso di mangime, quanto più saremo costretti ad accettare le decisioni, le
regole, gli abusi e le restrizioni di chi controlla e gestisce questo flusso. In
altre parole tanto più diventeremo dipendenti dai ritrovati della tecnologia, dai
diktat dell’economia, dalle astrazioni simboliche della cultura, dai processi controllati
dalla Paura politica e dai principi strangolanti del Dominio, quanto più ci allontaneremo
dalla capacità anche solo di immaginarlo un mondo diverso. Per farla breve il fine
del processo di civilizzazione è quello di far perdere ad ogni individuo la capacità
di saper disporre di se stesso.

Quello che dobbiamo
sempre ricordare che un’esistenza senza catene è la sola condizione compatibile
con la vita umana e della Terra; la sola condizione in cui poter godere di un’esistenza
libera e gratificante insieme e non contro gli altri.  




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com