Dicembre 19, 2022
Da Radio Onda D'Urto
213 visualizzazioni
IL GOVERNO VUOLE VOTARE LA LEGGE FINANZIARIA ENTRO FINE ANNO E PRESENTA UN MAXIEMENDAMENTO CHE SEGUE LE LINEE IMPOSTE DA BRUXELLES

La manovra delle retromarce prosegue il suo iter. L’ultimo cambiamento in corsa riguarda le pensioni minime: l’innalzamento a 600 euro, già immaginato solo per gli over 75, varrà per il 2023. E’ quanto si evince dal maxiemendamento presentato dal governo nella sera di domenica 18 dicembre 2022.

Non cambia invece opzione donna, così come formulata nella manovra. Negli emendamenti del governo non compare infatti alcuna modifica della misura e per il 2023 la possibilità dell’anticipo pensionistico con un’età di 60 anni e che può essere ridotta solamente se si sono avuti figli, specificatamente di un anno per ogni figlio e nel limite massimo di 2 anni. Soprattutto sarà valida solamente per tre categorie specifiche di lavoratrici: caregiver, invalide almeno al 74% licenziate o dipendenti da aziende con tavolo di crisi. Sempre in tema pensioni cambia la norma che rivede per il 2023 e 2024 la rivalutazione automatica delle pensioni che salirebbe all’85% la rivalutazione per gli assegni tra 4 e 5 volte il minimo, ovvero per quelle tra circa 2000 e 2500 euro. Al di là del tema pensioni, è nell’impianto generale che la manovra è stata realizzata per favorire i ricchi. Lo spiega ai nostri microfoni l’economista e nostro collaboratore Andrea Fumagalli Ascolta o scarica

Sempre in tema manovra, prosegue la richiesta di dare seguito alle leggi che prevederebbero l’introduzione anche in Italia del riconoscimento di sussidi per i lavoratori e lavoratrici dello spettacolo. Una sorta di reddito ad intermittenza per artisti e artiste messo nero su bianco dal precedente governo, ma mai finanziato. Le opposizioni hanno presentato diversi emendamenti in materia ma che rischiano di finire nel tritacarne delle tappe forzate imposte dal governo per lincenziare la legge di bilancio entro fine anno come ci racconta  Davide Aiello, deputato del M5S ascolta o scarica




Fonte: Radiondadurto.org