Settembre 2, 2022
Da No Frontiere
215 visualizzazioni

Da dietro le mura del CPR ci gridano che il ragazzo pakistano «ha fatto la corda» subito dopo l’incontro con il Giudice di pace di Gorizia che aveva confermato la sua permanenza nel centro per tre mesi. Ci chiedono di dire che si è ucciso dalla disperazione per quella scelta sulla sua vita. Ci dicono che era nella zona blu, dove tolgono i telefoni e dove vanno le persone appena entrate. I detenuti ci dicono che gli viene nascosto dagli operatori del centro il nome del ragazzo nonostante le loro richieste.

Ci raccontano che molti, dopo le udienze con il Giudice di pace, si sentono male e altri hanno provato a impiccarsi, salvati poi dai compagni di stanza. Raccontano che in quei momenti si sta molto male e si perde la testa. Ci raccontano che è peggio di qualsiasi carcere e che nel cibo vengono messi psicofarmaci. Ci chiedono che parlamentari e giornalisti raccontino quello che succede realmente nei CPR ed entrino.

Chi ci parla ci dice di temere per la sua incolumità per quello che ci sta raccontando. Ci dice che si sta esponendo per tutti ma che i militari lo stanno guardando. Ci fornisce il suo nome e indirizzo perché teme per la sua vita, per il solo fatto di raccontare quello che succede. E noi lo sappiamo bene, ricordiamo come fosse ieri le deportazioni seriali e il sequestro immediato dei telefoni di tutti i detenuti che avevano testimoniato la notte della morte di Vakhtang.

E allora noi chiediamo perché giornalisti e garante parlano di «fantasmi del passato» a giustificazione della morte del giovane di oggi. A quale scopo la Garante dei detenuti, che sa cosa succede all’interno, invoca il silenzio davanti alle urla assordanti di dolore, di rabbia, di terrore, di angoscia che escono da quelle mura. I Cpr sono i luoghi più atroci e più intrinsecamente razzisti che esistono sul suolo italiano.

Oggi, 1 settembre 2022, quattro persone sono state già ammazzate dal Cpr di Gradisca a soli tre anni dalla sua apertura.

I Cpr devono chiudere subito!




Fonte: Nofrontierefvg.noblogs.org