198 visualizzazioni

Il 3 gennaio, l’intera regione di Mangistau è stata colpita da uno sciopero generale che si è esteso alla vicina regione di Atyrau. Il 4 gennaio, i lavoratori della Tengizchevroil erano in sciopero. A dicembre, decine di migliaia di lavoratori di questo sito erano stati licenziati e altri licenziamenti erano stati annunciati. Il movimento si è diffuso nelle regioni di Aktobe, Kazakistan occidentale e Kyzylorda. I minatori della Armellor-Mittal-Temirtau, delle fonderie di rame e delle miniere della corporazione kazaka hanno aderito e ampliato il movimento. Al centro di queste lotte ci sono le richieste di salari, l’abbassamento dell’età pensionabile, il diritto di formare liberamente i loro sindacati e il diritto di sciopero.

L’azione diretta dei lavoratori, che fu l’origine del movimento, continuò con manifestazioni in molte altre città. Nella notte tra il 4 e il 5, ci sono stati duri scontri con le forze di repressione. Lo stato di emergenza è stato dichiarato ; come spesso, contro “elementi stranieri”, contro “terroristi”. In effetti, questa è una delle risposte delle autorità alla classe operaia in rivolta.

Il tentativo di dividere il governo, che ha annunciato una riduzione localizzata del prezzo della benzina, è fallito. I licenziamenti e i rimpasti alla testa dello Stato non rispondono alle richieste del movimento : coloro che lottano lo fanno per richieste sociali e politiche che corrispondono agli interessi della nostra classe sociale, non per sapere chi li guiderà !

Dal 5 in poi, raduni di massa si sono diffusi in tutto il paese. La richiesta del rilascio di tutti i prigionieri politici e il ripristino della Costituzione del 1993, per esempio, sono stati aggiunti alle richieste. I movimenti in diverse città e regioni stanno cercando di coordinarsi.

Le uccisioni dei manifestanti sono iniziate nella notte tra il 5 e il 6. L’esercito ha svolto il suo ruolo : servire il potere in carica, far rispettare il suo ordine, reprimendo, sparando e uccidendo. L’imperialismo russo è arrivato come rinforzo, facilitando e sostenendo la repressione. Le forze repressive dello Stato hanno ufficialmente il diritto di sparare senza preavviso. Il bilancio delle vittime sta aumentando.

Le organizzazioni membri dell’International Trade Union Solidarity Network salutano la determinazione e il coraggio del popolo del Kazakistan. Siamo solidali con la lotta, sosteniamo le loro rivendicazioni, sia quelle relative alla manifestazione diretta dello sfruttamento capitalista (salari, orari di lavoro, pensioni, ecc.) sia il diritto di organizzarsi liberamente, di scioperare, ecc.

Le organizzazioni membri della Rete Internazionale di Solidarietà e Lotta Sindacale si uniscono alle azioni di solidarietà con il popolo del Kazakistan e denunciano la repressione esercitata dal potere in carica aiutato dal governo russo.

Solidarietà con la lotta del popolo del Kazakistan ! Le truppe russe fuori dal Kazakistan !




Fonte: Laboursolidarity.org