Ottobre 14, 2021
Da Alternativa Libertaria FdCA
79 visualizzazioni


antifascismiNel 1920 l’ aggressioni squadristiche alle Camere del Lavoro e ai picchetti dei lavoratori in presidio davanti i cancelli delle fabbriche,oggi l’attacco a Roma alla sede della CGIL e a Prato l’ennesima vile aggressione contro il picchetto operaio in lotta.

Ora come allora l’obbiettivo della forze padronali e finanziarie, approfittando del drammatico disaggio sociale, è quello di alzare i toni del confronto politico, puntando ad indebolire e ostacolare le lotte operaie e sociali, creando un forte clima di scontro violento nelle piazze, per fare questo ora come allora tornano ad usare la violenza squadrista, con la complicità di chi dovrebbe ma si defila coerentemente e sapientemente dall’intervenire: è impensabile che la manifestazione abbia potuto raggiungere indisturbata la sede della CGIL.

Ora, come divenne necessario durante la lotta partigiana, nel consolidare l’unità antifascista, come risposta a queste gravi provocazioni occorre riprendere e rilanciare un vasto fronte unitario a difesa delle lotte operaie e sociali.

I militanti di Alternativa Libertaria/FdCA nel condannare il grave atto fascista, esprimono la più sentita solidarietà militante alle lavoratrici e ai lavoratori aggrediti dalle squadracce fasciste padronali , e alle lavoratrici e ai lavoratori della CGIL .

A prescindere dalle bandiere e dalle sigle politiche e sindacali

-costruiamo un Fronte Unitario Antifascista

-l’Unità di classe dei lavoratori.

Alternativa Libertaria/fdca




Fonte: Alternativalibertaria.fdca.it