Agosto 7, 2021
Da Infoaut
60 visualizzazioni


La  copresidenza del Consiglio esecutivo della KCK (Unione delle comunità del Kurdistan) ha rilasciato una dichiarazione sugli incendi in tutta la Turchia e ha negato il coinvolgimento dei curdi.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Il comunicato pubblicato mercoledì include quanto segue:

“Di recente sono scoppiati incendi boschivi in ​​molti luoghi della Turchia, soprattutto nelle regioni dell’Egeo e del Mediterraneo.Hanno provocato la perdita di molte vite e una grande distruzione materiale. Gli incendi boschivi continuano ancora. Le foreste rappresentano una parte fondamentale dell’equilibrio ecologico e sono anche i polmoni di tutta la vita su questa terra. Sono l’area centrale della vita naturale. Per questo motivo, gli attuali incendi boschivi sono una catastrofe non solo per i paesi direttamente colpiti, ma per tutta l’umanità e tutti gli altri esseri viventi. In quanto popolo che più soffre di questo dolore, auguriamo ai popoli della Turchia che l’attuale situazione venga presto superata. Condividiamo la loro tristezza e il loro dolore. Dopo lo scoppio degli incendi boschivi in Turchia, ci sono state forti critiche sul fatto che ci sia voluto troppo tempo per intervenire.Nel frattempo, tra l’opinione pubblica si è diffusa l’opinione che gli incendi siano stati appiccicati a scopo di lucro.

Allo stesso tempo, alcuni nemici del popolo curdo e certi ambienti che vogliono fomentare conflitti tra i popoli, hanno diffuso dichiarazioni provocatorie e hanno affermato che gli incendi boschivi sono stati appiccati dai curdi. Hanno anche affermato che il PKK è responsabile degli incendi. Così, incitano le comunità del paese avvelenate dallo sciovinismo ad attaccare i curdi. Ciò in alcuni luoghi ha già portato a dare la caccia ai curdi in alcuni per linciarli e ucciderli. Tali notizie che incolpano i curdi e il PKK per gli incendi boschivi sono diffuse dalle forze responsabili della guerra speciale contro il popolo curdo e le forze democratiche. Su loro istruzioni, queste notizie vengono diffuse per provocare attacchi ai curdi in Turchia.

Su loro istruzione queste notizie vengono diffuse per provocare attacchi ai curdi in Turchia. I linciaggi e i massacri che sono stati recentemente perpetrati contro i curdi hanno lo stesso obiettivo degli attuali attentati: frenare la forza di volontà dei curdi per costringerli a rinunciare alla loro identità e rendere loro impossibile lottare per la libertà e la democrazia .

Il vero volto del governo AKP-MHP oggi è stato completamente svelato e il suo sostegno all’interno della società è sceso a un nuovo minimo. In particolare, la polarizzazione sociale del governo e la sua ostilità alla libertà e alla democrazia hanno aumentato il malcontento popolare.

Lo scoppio degli incendi boschivi e il ritardato avvio degli interventi antincendio hanno provocato un’esplosione di rabbia tra la popolazione. Al fine di deviare questa rabbia popolare dal vero obiettivo, i fascisti AKP e MHP e le loro istituzioni di guerra speciali stanno ora cercando di incolpare i curdi e il PKK per gli incendi boschivi. Così, il governo AKP-MHP sta cercando di salvarsi dalla rabbia della gente. Questa è una politica estremamente immorale e sporca.

Ma la nostra gente e l’opinione pubblica in generale non credono a questa propaganda. Tuttavia le istituzioni speciali per la guerra guerra i loro tentativi di incolpare i curdi e il PKK per gli incendi boschivi e di provocare l’attacco delle comunità del paese avvelenate dallo sciovinismo. Il governo turco ha acquistato decine di aerei ed elicotteri per il presidente e il governo, ha fatto costruire un palazzo con 1001 stanze e possiede anche centinaia di aerei da combattimento. Ma non riesce a trovare i soldi per gli aerei antincendio. Pertanto, come sempre, vede l’unica possibilità di mantenere il suo potere nella polarizzazione della società, nell’ostilità verso i curdi e nella guerra. Tali disastri sono il risultato della politica del governo. Ma il governo cerca di nascondere questa verità diffondendo notizie che non sono vere. Tutti gli attacchi ai curdi derivano dalla politica razzista-fascista. Ma c’è un tentativo di presentarli come normali controversie sociali e quindi di normalizzare e legittimare gli attacchi. La famiglia curda assassinata a Konya era già stata attaccata a maggio ed era stata in parte gravemente ferita. All’epoca, gli aggressori si definivano nazionalisti e minacciavano di spazzare via la famiglia.

Nonostante tali dichiarazioni, gli aggressori non sono stati arrestati e quindi non sono state prese le dovute precauzioni. I rapporti secondo cui gli incendi boschivi sono stati appiccati dai curdi e dal PKK sono una menzogna completa e sono un’invenzione nel contesto della guerra speciale. Con l’aiuto di queste bugie si sta tentando di nascondere le misure non ecologiche del governo e i crimini associati a questa politica. Allo stesso tempo, il governo AKP-MHP vuole impedire che i popoli della Turchia e la lotta del popolo curdo per la democrazia e la libertà si uniscano. Il governo AKP-MHP vede la propria fine nel legame tra il popolo curdo e i popoli della Turchia. Ecco perché oggi, con l’aiuto di varie provocazioni, sta tentando di riproporre in forma aggiornata sui curdi gli eventi del 6 e 7 settembre 1955. A quel tempo, i non musulmani in Turchia furono espropriati e successivamente espulsi dal paese.

Anche gli attuali incendi boschivi vengono usati come mezzo di attacco contro il popolo curdo e le forze democratiche. Ciò dimostra che l’attuale governo è diventato un grande fardello per i popoli della Turchia. I partner e i sostenitori di questo governo fascista sono diventati una comunità di colpevoli nei confronti dei popoli della Turchia. Avvertiamo gli ambienti fascisti che cercano di rendere i curdi e il PKK responsabili degli incendi boschivi scoppiati in Turchia o che sono stati deliberatamente appiccicati a scopo di lucro, e quindi mettono i popoli della Turchia contro i curdi.Comprendiamo come un grave crimine rivoltare le bande fasciste contro la nostra gente e non lasceremo che ciò accada impunito. È un grave crimine mettere i popoli di Turchia gli uni contro gli altri. I responsabili di questi crimini sicuramente non resteranno impuniti. Il nostro popolo e il nostro Movimento di liberazione vedono la terra su cui viviamo come la patria comune di tutti noi. Auguriamo una vita amichevole, libera e democratica in questa patria comune. Tutti coloro che non considerano la Turchia e il Kurdistan come una patria comune e commettono crimini contro di essa e contro i suoi popoli saranno sicuramente puniti dal nostro popolo.

Invitiamo tutti i popoli della Turchia e le forze democratiche a combattere fianco a fianco con il popolo curdo contro le forze fasciste e gli aggressori che considerano i curdi loro nemici e li dichiarano bersagli. Li invitiamo anche a porre fine al governo AKP-MHP e a costruire una Turchia democratica e un Kurdistan libero”.

Da Uiki OnlusUiki Onlus

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org