Dicembre 4, 2022
Da Umanita Nova
229 visualizzazioni

In Gran Bretagna oggi, chiunque chieda a un lavoratore la direzione che sta prendendo il paese difficilmente riceverà una risposta pubblicabile.

Inciampando di crisi in crisi, il paese è al suo terzo primo ministro dell’anno. Le bollette energetiche sono salite alle stelle del 96% dallo scorso inverno e l’affitto è aumentato fino al 20%, mentre si prevede che l’inflazione, che attualmente si attesta al 12,3%, aumenterà fino al 18% entro i primi mesi del 2023 .

Questo sta accadendo in un Paese che è stato il primo in Europa occidentale a registrare 200.000 morti per il coronavirus ed è già stato sottoposto a brutali misure di austerità che hanno distrutto il tessuto sociale. Un’analisi del Trades Unions Congress (TUC, l’equivalente britannico dell’AFL-CIO) pubblicata all’inizio di quest’anno, ha rilevato che i lavoratori britannici hanno guadagnato 60 sterline (70 euro) al mese in meno di salari reali nel 2021 rispetto all’inizio della crisi finanziaria nel 2008: il crollo salariale più lungo dall’era napoleonica.

Laddove i datori di lavoro hanno offerto aumenti salariali per combattere l’inflazione, hanno comunque rappresentato significativi tagli dei salari reali. A loro comunque non si applicano le stesse regole; mentre le offerte salariali ai lavoratori sono generalmente oscillate tra il 2 e il 6 percento, la retribuzione media di un amministratore delegato del FTSE 100 è aumentata vertiginosamente del 23 percento quest’anno, con bonus record erogati (Il FTSE 100 è composto dalle più grandi società della Borsa di Londra).

Uno di questi destinatari era Philip Jansen, CEO di BT Group, il più grande fornitore di servizi Internet e telefonici della Gran Bretagna. BT ha registrato profitti per 1,3 miliardi di sterline quest’anno, mentre Jansen ha ottenuto un pacchetto retributivo di 3,5 milioni di sterline, un aumento del 32%. Ora guadagna 86 volte di più del dipendente medio di BT.

Tuttavia, dopo sei brevi incontri con i rappresentanti della Communication Workers Union (CWU), Jansen ha interrotto le discussioni e imposto unilateralmente un insultante aumento di 1.500 sterline agli stipendi base annuali, che equivale a una riduzione dello stipendio in termini reali per i 40.000 operatori dei call center e per i tecnici operativi. La forza lavoro del call center è pagata così male che alcuni sono diventati sempre più dipendenti dai banchi alimentari sul posto di lavoro.

Un altro era Simon Thompson, amministratore delegato del Royal Mail Group, il servizio postale del Regno Unito (privatizzato dieci anni fa sotto il governo di coalizione conservatore-liberale). A giugno, Thompson, che guadagna 62.750 sterline al mese, si è assegnato un bonus “a breve termine” di  142.000 sterline. Poco dopo, l’azienda ha informato i suoi 115.000 lavoratori che avrebbe aumentato unilateralmente i salari di appena il 2%, un drastico taglio salariale nel contesto della crisi del costo della vita del paese. Questo nonostante i lavoratori della Royal Mail abbiano generato profitti annuali record di 758 milioni di sterline per l’azienda.

Non sorprende che sia i lavoratori di BT che quelli di Royal Mail abbiano votato per lo sciopero in gran numero durante l’estate, con una votazione postale che ha registrato un sì del 97,6% con un’affluenza alle urne del 77%. Questo è il più grande mandato per un’azione sindacale dall’attuazione del Trade Union Act del 2016 contro il lavoro, che richiede il 50% di affluenza alle urne affinché un voto di sciopero sia considerato valido.

Così hanno fatto i 40.000 ferrovieri della Rail, Maritime, and Transport Workers (RMT). Con il passare dei mesi, a questi lavoratori si sono aggiunti altri settori della classe operaia coinvolti nelle proprie controversie. Recentemente, i voti nazionali per lo sciopero sono stati vinti da 70.000 membri dell’Unione delle universitaria e degli istituti superiori e 100.000 dipendenti pubblici appartenenti all’Unione dei servizi pubblici e commerciali. Anche i 465.000 infermieri del Royal College of Nursing, il più grande sindacato infermieristico del mondo, hanno votato per lo sciopero. La prima volta in assoluto.

E i prossimi mesi vedranno molti altri lavoratori, dai vigili del fuoco e dagli insegnanti, agli esecutori degli standard alimentari e al personale delle armi nucleari, valutare se ridurre gli strumenti a difesa del loro tenore di vita.

Già alcuni scioperi stanno dando risultati. Unite, il secondo più grande sindacato britannico, guidato dalla combattiva Sharon Graham, si è impegnato in una guerriglia implacabile contro le compagnie di autobus regionali, gli enti locali e le multinazionali. I lavoratori dei trasporti, degli aeroporti e dei consigli locali hanno combattuto battaglie esemplari con picchettaggi di massa e occupazioni di edifici comunali.

A luglio, il personale del check-in e i membri del personale di terra di Unite e del sindacato GMB hanno ottenuto un aumento del 13% dopo aver minacciato di chiudere l’aeroporto di Heathrow. In una serie di scioperi da settembre a novembre, i portuali di Liverpool hanno ottenuto fino al 18,5%.

Tuttavia, molte controversie importanti hanno preso una piega meno soddisfacente.

Nel caso degli impiegati delle poste, dopo una serie di scioperi straordinariamente popolari, i dirigenti sindacali hanno accolto a settembre la richiesta di incontrare i vertici aziendali nella speranza di risolvere la vertenza. Quando si sono seduti, è stato detto loro che i dirigenti di tutto il paese venivano informati sui piani per “modernizzare” l’azienda. Sono state consegnate due lettere: la prima li informava che Royal Mail intendeva recedere da tutti gli accordi con il sindacato, e la seconda proponeva di stabilire un nuovo rapporto in cui la società non avrebbe più negoziato ma si sarebbe limitata a “consultare” il sindacato.

La direzione ha tentato di portare allo scoperto il  sindacato, offrendo un aumento salariale irrisorio del 7% in due anni, in cambio della chiusura dei centri postali e dell’introduzione degli autisti proprietari nella Royal Mail. Una tale mossa aprirebbe la strada alla trasformazione del servizio postale britannico in un sistema di consegna in stile Uber.

Il CWU ha raddoppiato, condannando la “dichiarazione di guerra” ai lavoratori delle poste e riaffermando il suo impegno a scioperare il Black Friday e il Cyber Monday, i giorni di shopping online più affollati dell’anno.

Subito dopo, la direzione della Royal Mail ha finalmente offerto seri negoziati attraverso un organismo di conciliazione indipendente finanziato dal governo. I datori di lavoro delle ferrovie e i capi di BT hanno aperto trattative simili. Molti si augurano che la determinazione dei datori di lavoro possa incrinarsi sotto la pressione inaspettatamente significativa dei lavoratori.

La percezione diffusa è che i lavoratori vengano derisi dai datori di lavoro che si regalano pagamenti stravaganti da cartone animato mentre i lavoratori soffrono profondamente per il costo in rapida crescita dei beni e dei servizi di prima necessità. Nel frattempo, il governo sta a guardare e non fa nulla.

In definitiva, la situazione è ancora volatile e imprevedibile. Ma una cosa è innegabile: in Gran Bretagna, milioni di persone ora si sentono incoraggiate a sfidare una struttura sociale che punta a farli vivere in condizioni di  vita peggiori, facendoli lavorare sempre più duramente per persone che non hanno mai avuto condizioni migliori. Il posto di lavoro è stato riscoperto come un campo di battaglia; oggi più che in qualsiasi momento di questo secolo tanti lavoratori stanno riconoscendo la loro forza collettiva.

Tratto da un articolo di Marcus Barnett, apparso sul numero 525 di Labor Notes




Fonte: Umanitanova.org