Novembre 21, 2020
Da Supportolegale
85 visualizzazioni


Bussoleno, 24 ottobre 2020 ore 1530 – incontro seminariale sulla criminalizzazione giudiziaria

Sin dall’inizio della lotta, e con particolare intensità negli ultimi dieci anni, il movimento No TAV si ù dovuto confrontare con un livello altissimo di violenza istituzionale.
La criminalizzazione penale, che con la carcerazione di Dana ha registrato un ulteriore salto di qualitĂ , Ăš un aspetto rilevante di questa violenza.
La creazione di una corsia preferenziale per i procedimenti contro il movimento, con il coinvolgimento di centinaia di imputati, l’esercizio dell’azione penale anche per reati “bagatellari”, l’abuso delle misure cautelari , l’utilizzo a piene mani del concorso e delle aggravanti, la particolare velocità dei processi, la sproporzione delle condanne e delle sanzioni economiche, sono parte dell’esperienza concreta dei militanti, ed evidenti a chiunque soffermi lo sguardo sul fenomeno repressivo in Valsusa.
CiĂČ nonostante non ne Ăš stata fin’ora definita in maniera compiuta un’analisi quantitativa e qualitativa basata su elementi certi, tale da permettere il passaggio dall’evidenza empirica all’evidenza scientifica, utile sia alla ricerca in ambito giuridico, che alla difesa legale, che alla denuncia politica.
Per questo motivo abbiamo ritenuto importante iniziare, tre anni fa, un’opera di archiviazione storica dei materiali processuali, che rendesse possibile, fra le altre cose, la misurazione del fenomeno e la sua comparazione con altri campi di esercizio dell’azione penale.

Abbiamo tratto inizialmente ispirazione da un lavoro – già avviato da un attivista NoTAV – di annotazione dei procedimenti contro il movimento, per poi continuare con una lunga e complessa fase di ricerca con la digitalizzazione, l’archiviazione e la catalogazione sistematica della parte accessibile degli atti processuali (datazioni delle fasi, dibattimento e decisioni, per i processi chiusi almeno in primo grado.
Contemporaneamente Ăš stato approntato un software per la gestione delle informazioni e dei documenti, e si Ăš avviata la creazione (ancora in corso) di un data base ad uso degli studi legali di riferimento del movimento No TAV.

Si ù trattato di un impegno importante, vista l’entità della “attenzione” giudiziaria verso l’opposizione al TAV. Un impegno che ha coinvolto per molti mesi varie compagne e compagni con una grossa mole di lavoro anche volontario.
Il progetto si ù limitato a considerare i processi arrivati alla conclusione almeno del primo grado di giudizio al 31 dicembre 2017 (limite che abbiamo dovuto definire per commisurare il lavoro necessario alle risorse disponibili) con l’identificazione di 150 procedimenti iscritti al Registro Generale Notizie di Reato dal 2005 al 2016 e, per 85, la ricostruzione completa della storia processuale.
Su questi materiali sono ora disponibili i risultati di una prima esperienza di ricerca – ancora parziale – a cura di Alessandro Senaldi, che identificano alcune linee di tendenza di interesse rilevante.
Per esporli, trarne valutazioni e discuterli insieme, vi invitiamo a

Bussoleno
presso Casa Aschieri
Via Walter Fontan 23
sabato 24 ottobre alle 1530

interverrano attivisti, avvocati, studiosi (seguiranno dettagli)

Ass. Bianca Guidetti Serra & SupportoLegale.org




Fonte: Supportolegale.org