Aprile 16, 2021
Da Radio Blackout
55 visualizzazioni


Entusiasmo derivante dall’isolamento dell’ultimo anno, dall’assenza di prospettive di poter svolgere un lavoro che prevede condivisione di spazi, e di prendersi cura del proprio corpo, mettendo in sicurezza anche i più fragili, non rivendicando in modo corporativo riaperture impossibili soprattutto per i più esposti, come risulta dalla mappatura dei “posti”: la tutela dei più deboli e fragili è un principio fondativo di questa occupazione a tempo determinato: il Globe Theatre sarà palcoscenico di questa esperienza piena di entusiasmo fino a domenica e ferverà di iniziative volte a “fare prove” di questo contesto difficile da “interpretare” soprattutto per il mondo dello spettacolo. Quindi formazione, sicurezza sanitaria e reddito garantito… estendibile a tutti, non solo ai lavoratori dello spettacolo o della cultura. La sensazione di protezione e la serenità di tutti sono l’indispensabile humus per far crescere la possibilità di godere della creatività, degli spazi e della offerta culturale





Fonte: Radioblackout.org