238 visualizzazioni

La democrazia come ci insegnano sin da piccoli è di per se etica quindi
va imposta con qualsiasi mezzo così come è stato per i modelli di civilizzazione
occidentale.

Fuori dalle regole del gioco democratico c’è solo, all’esterno, barbarie
e fanatismo e all’interno sovversione, terrorismo, demenza, delinquenza e follia.

La democrazia per tanto è la forma dello spettacolo al suo più alto grado
di concentrazione ed efficacia e, nel contempo, di diffusione capillare. È la democrazia
delle merci, più ancora che quella del lavoro. È il diritto di cittadinanza nel
mondo della società del capitale che si, integra a livello planetario e pianifica
le differenze.

Per democrazia si intende un regime in cui periodicamente vengono indette
“libere” elezioni a cui prendono parte un certo numero di cittadini; a queste elezioni
partecipano partiti apparentemente diversi fra loro in rappresentanza di ipotetiche
ideologie o di gruppi sociali con interessi differenti, ma con unico scopo e con
la medesima aspirazione quella del controllo e dell’amministrazione del potere.

La democrazia si propone per tanto come forma, il suo contenuto, cioè
il suo contenuto sociale risiede altrove: nei rapporti capitalistici, nell’autoritarismo
dello stato, nella riproduzione costante ed accelerata dello spettacolo. Ipotizzare
oggi organizzazioni societarie diverse da quella cosiddetta democratica si passa
per provocatori o terroristi.

La merce ideologica denominata democrazia deve venire esportata ovunque
e dovunque sotto le regole apparentemente flessibili dello spettacolo, e di quelle
rigide e autoritarie del capitale.

Il totalitarismo ideologico raggiunge così il suo apogeo. Di fronte alla
crisi di tutti i valori, due si presentano come fondamentali ed ineludibili: lo
stato e la democrazia. Il capitale ne è la base materiale. lo spettacolo la rappresentazione
totale.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com