97 visualizzazioni


A distanza di nove anni, si è giunti alla sentenza definitiva per i fatti dell’inverno 2012, con 21 condanne il cui carattere politico e di classe appare evidente, attraverso la punizione individuale e l’intimidazione collettiva.

Con buona pace dei legalitari, è una sentenza pre-confezionata che mostra ancora una volta l’antitesi tra legge e giustizia, così come indica che per il potere costituito la principale preoccupazione rimane l’opposizione che si fa conflitto sociale. La non sottomissione dei corpi e delle menti, contro la logica alienante del profitto ancora celebrata in queste settimane dal G.20, diventa quindi crimine.

Analogamente, a Genova, il collettivo dei lavoratori portuali che hanno bloccato i traffici d’armamenti è inquisito per “associazione a delinquere”.

Per questo, oltre all’amicizia, all’affetto e alla stima che ci lega ai compagni e alle compagne condannate, non possiamo che ritenerci corresponsabili morali degli stessi sentimenti di rivolta e uguaglianza, impegnandoci a contribuire alle iniziative di attiva solidarietà.

SOLIDARIETÀ ANARCOSINDACALISTA 
Usi Livorno

Per chi volesse approfondire la vicenda qui trovate un resoconto breve: https://livornopress.it/assalto-alla-prefettura-ex-caserma-occupata-30-anni-di-condanne-per-21-compagni




Fonte: Usi-cit.org