Novembre 21, 2020
Da USI-CIT - Unione Sindacale Italiana
94 visualizzazioni


Nella giornata dello sciopero della scuola del 25 settembre a Milano si ù svolta l’annunciata manifestazione di protesta. Nella mattinata il punto di concentramento dato, anche nella comunicazione di USI Educazione milanese, era Largo Cairoli, da dove ù partito il corteo dirigendosi verso piazza Duomo, anche se non era stata data l’autorizzazione per il percorso.

La partecipazione ù stata molto importante, circa duemila manifestanti ad occhio. La presenza degli studenti ù stata molto consistente. C’erano rappresentate tutte le sigle del sindacalismo di base promotrici dello sciopero. Molto presenti i megafoni a mano e gli slogan gridati. Non erano presenti mezzi motorizzati, anche per via dei blocchi di ostruzione messi appositamente nel percorso. C’era invece un carretto tirato da biciclette con sopra un amplificatore.

Molti gli striscioni e i cartelli innalzati da singoli/e. Lo slogan piĂč gridato “senza scuola non c’ù futuro”. Le rivendicazioni piĂč indicate: un salario adeguato, bloccato da 12 anni, l’assunzione del personale mancante per affrontare adeguatamente l’emergenza pandemica, soprattutto la regolarizzazione delle migliaia di precari, a cominciare da quelli che hanno svolto l’attivitĂ  scolastica da 36 mesi, come prevede la stessa norma europea, la messa in sicurezza all’interno delle scuole nel rispetto del distanziamento e delle condizioni adeguate degli stessi edifici scolastici.

Quando il corteo Ăš arrivato in piazza Duomo Ăš stato occupato l’intero spazio organizzando una lezione all’aperto autogestita da parte degli stessi studenti. Sono seguiti interventi che hanno sviluppato le criticitĂ  della scuola. Ci sono stati interventi anche da parte di precari della scuola evidenziando le loro ragioni rivendicative. E’ stata data anche lettura di una lettera di solidarietĂ  da parte del movimento No Tav. In uno spazio a parte si Ăš svolto un assembramento di “Non una di meno” dove si sono susseguiti vari interventi nella tematica propria. Pian piano la piazza si Ăš svuotata anche perchĂ© una pioggerella a tratti era di disturbo.

Enrico    




Fonte: Usi-cit.org