13 visualizzazioni


All’interno del sistema mercantile, che domina ovunque, il lavoro non
ha per finalità, come vorrebbe far credere, la produzione di beni utili e graditi
tutti; suo unico scopo è la produzione di merci. Le merci, indipendentemente dalla
loro utilità, inutilità, sofisticazione, non assolvono ad altra funzione che a quella
di mantenere e di aumentare il profitto e il potere della classe dominante. In un
sistema simile, tutto il mondo lavora per niente, e ne ha sempre più la coscienza.

Accumulando e riproducendo le merci, il lavoro costretto non fa che aumentare
il potere dei padroni, dei burocrati, dei capi, degli ideologi.

Ovunque c’è merce c’è lavoro costretto e, ormai, quasi tutte le attività
sociali si stanno riducendo ad esso. Produciamo, consumiamo, mangiamo, dormiamo,
per un padrone, per un capo, per lo stato, per il sistema generalizzato della merce.

Il lavoro costretto produce unicamente merci. Ogni merce è inseparabile
dalla menzogna che la rappresenta. Il lavoro costretto produce dunque menzogne,
crea un mondo di rappresentazioni fittizie, un mondo ribaltato dove un accumulo
di immagini tiene il posto della realtà. In questo sistema spettacolare e mercantile,
il lavoro produce su se stesso due menzogne importanti: la prima consiste nella
solita litania per cui il lavoro è utile, necessario e indispensabile e che quindi
è nell’interesse di tutti continuare a lavorare; la seconda mistificazione sta nel
far credere che i lavoratori non sono in grado di liberarsi del lavoro e dal salario
e che non sono quindi capaci di edificare una società radicalmente nuova, basata
sulla creazione collettiva e attraente e sull’autogestione generalizzata.

La fine del lavoro costretto significherà la sparizione di un sistema
in cui regnano unicamente il profitto, il potere gerarchico, la menzogna generale.

La ricerca dell’armonia delle passioni,
infine liberate e riconosciute, prenderà il posto della corsa al denaro e alle briciole
del potere.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com