Giugno 7, 2021
Da Infoaut
91 visualizzazioni


Rıdvan Turan della Commissione agricoltura di HDP avverte di un’imminente crisi alimentare, affermando: “Gli agricoltori stanno pagando il prezzo delle politiche agricole orientate al capitale”.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

La crisi economica in Turchia e nel Kurdistan settentrionale continua ad aggravarsi. L’inflazione, l’aumento dei prezzi e le politiche economiche neoliberiste, così come la guerra in Kurdistan, hanno gravemente danneggiato l’agricoltura, rendendo la Turchia sempre più dipendente dalle importazioni nel settore alimentare. Il portavoce della Commissione agricoltura del Partito democratico dei popoli (HDP), Rıdvan Turan, mette in guardia in particolare contro le politiche economiche neoliberiste che si sono intensificate sotto il governo dell’AKP e hanno “praticamente liquidato” l’agricoltura su piccola scala.

“Centinaia di migliaia di agricoltori hanno dovuto lasciare la loro terra e migrare verso le città. Lì si sono uniti alla carovana dei disoccupati. Non ci sono praticamente sussidi di disoccupazione in Turchia, e circa 30 milioni di persone vivono al di sotto della soglia della fame”, ha affermato.

La sicurezza alimentare è stata distrutta

Turan ha proseguito: “Durante i 19 anni di governo dell’AKP, la sovranità e la sicurezza alimentare, che garantivano alla società l’accesso a cibo sano ed economico, sono state distrutte.

Sono state attuate misure per fornire maggiori profitti alle società multinazionali. A causa della crisi economica, della pandemia e dell’aumento dei tassi di cambio che ha accompagnato le politiche agricole dell’AKP e della siccità prevalente, gli agricoltori non sono più in grado di produrre.

Sono diventati dipendenti dalle multinazionali per l’alimentazione. Nel contesto dell’aumento simultaneo dei costi di importazione, gli agricoltori si sono indebitati con cooperative di credito agricolo, usurai e soprattutto banche private e pubbliche.

I debiti degli agricoltori verso le cooperative di credito pubblico e agricolo ammontano a oltre 150 miliardi di lire turche [circa 15 miliardi di euro].”

Come HDP siamo dalla parte degli agricoltori

Turan ha proseguito: “Il massiccio aumento del prezzo delle sementi e dei mangimi porta ad un aumento significativo del prezzo di produzione e quindi anche del prezzo dei prodotti. In considerazione dell’impoverimento della società, molte persone non possono più permettersi i prodotti agricoli e gli agricoltori sono lasciati con la loro produzione. Oggi gli agricoltori in Turchia buttano via i loro prodotti perché non possono venderli. Stanno protestando contro l’AKP. C’è una crisi alimentare in arrivo. Come HDP, siamo dalla parte dei lavoratori agricoli che producono con il massimo sforzo contro il profitto delle multinazionali. Crediamo di poter risolvere i problemi dei contadini unendoci. Nonostante tutti gli sviluppi negativi, abbiamo il potere di cambiare questo sistema rotto e promettiamo di farlo insieme agli agricoltori.

Da Rete Kurdistan

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org