241 visualizzazioni

Nel centenario (novembre 1922) della devastazione ad opera dei fascisti e della chiusura imposta dalle autorità di polizia alla Camera sindacale del lavoro di Livorno, domenica 27 novembre la sezione livornese dell’USI ha promosso un’iniziativa presso la Biblioteca comunale Bottini dell’olio.

L’incontro, intitolato Antifascismo e sindacalismo conflittuale, è stato aperto da un intervento del compagno Claudio Strambi che ha inquadrato nel contesto nazionale del Biennio rosso l’esperienza dell’anarcosindacalismo ed stato seguito dalla presentazione, a cura di Marco Rossi, della ricerca L’altra Camera del lavoro. Livorno 1919 – 1922. L’azione dell’USI e Augusto Consani, sindacalista di classe (Gruppo editoriale USI-CIT).

Al termine della partecipata conferenza, le compagne e i compagni presenti si sono spostati nel vicino viale Caprera sul luogo dove vi era la sede della Camera sindacale, inaugurando con un brindisi la targa, appena posta, che ne ricorda l’attività “contro ogni forma di sfruttamento” dal 1920 al 1922.

L’incontro è stato anche occasione per propagandare lo sciopero generale del 2 dicembre, dando appuntamento per il corteo previsto a Pisa.

Il libretto L’altra Camera del Lavoro, può essere richiesto (costo 5 euro, spese di spedizione incluse) a: [email protected]

USI-CIT Livorno




Fonte: Usi-cit.org