219 visualizzazioni

È in
quell’immenso vulcano delle rivoluzioni (megafoni che ingrandiscono e universalizzano
le voci dei popoli) che le grandi idee si elaborano, e si sviluppano, perchè è
allora che gli uomini spezzano i freni, schiantano le vecchie abitudini,
rovesciano il passato e calpestano tutto quanto il giorno prima avevano creduto
che fosse sacro.

L’Anarchia non è
utopia. Essa è allo stato di aspirazione nel fondo dell’animo umano. Essa si rivela
nel perpetuo moto che è sorgente e scopo della vita stessa. Quel continuo
travaglio interiore, quel costante bisogno di ricerca, di lotta e di sogno, che
agita l’individuo, nell’insofferenza del presente, in uno sforzo perenne di
superamento e di liberazione, è legge eterna della vita, eterna aspirazione
all’Anarchia. Poeti, artisti, letterati, hanno sempre avvertito il suo palpito,
il suo respiro, nelle visioni e nelle lotte dell’opera loro: essi hanno
demolito qualcosa di ciò che l’Anarchia vuol demolire; hanno portato chi una
pietra, chi un marmo, chi un mosaico all’edificio che essa va pazientemente
costruendo.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com