82 visualizzazioni


Indice dei contenuti

D’estate tra le letture più gettonate ci sono i romanzi gialli. La difficoltà però sta nel trovare ogni volta un genere di giallo diverso. I gialli inglesi sono perfetti per non rinunciare al brivido delle indagini con quel qualcosa in più che non si trova negli altri libri. Bon ton, una campagna delle più belle, un mistero da sciogliere: come resistere? L’assassinio di Lady Gregor li racchiude tutti.

Anthony Wynne – l’autore

Pseudonimo di Robert McNair Wilson, Anthony Wynne (1882-1963) è stato un medico prima di diventare scrittore.

Col suo vero nome firmò articoli di carattere medico-scientifico per il Times, la biografia di un celebre cardiologo scozzese del secondo Ottocento (The Beloved Physician, 1926) e alcuni saggi storici sull’epoca napoleonica, argomento di cui era un cultore.

Svolse la sua attività a Londra dopo la laurea in medicina a Glasgow. Solo nel 1925 si ebbe il suo esordio letterario, con il romanzo giallo The Sign of Evil.

già in questa sua prima opera, Wynne introdusse il personaggio di Eustace Hailey: anch’egli un medico inglese, specializzato in malattie della mente e detective dilettante. Il personaggio comparirà in tutte le sue opere.

L’assassinio di Lady Gregor – la trama

In un sinistro maniero delle Highlands scozzesi, un’anziana Lady viene trovata uccisa. Da subito le indagini si rivelano difficili: la donna al momento dell’omicidio si trovava in camera sua, con la porta chiusa a chiave dall’interno e le finestre sbarrate.

Nonostante l’aiuto del dottor Hailey, investigatore per hobby ma ottimo osservatore per natura, i progressi stentano ad arrivare e presto le superstizioni del luogo si impongono sempre di più.

La morte della Lady, però, non sarà l’unica. Una serie di omicidi, uno più inspiegabile dell’altro, sconvolgerà la tranquilla vita del maniero e del villaggio.

Storia del testo e gli “enigmi della camera chiusa”

Sebbene sia stato edito nel 1931 cl titolo originale di Murder of a Lady, questa è la prima volta che viene edito anche in Italia.

Questo romanzo in madrepatria è uno dei pilastri dei cosiddetti “enigmi della camera chiusa”, dei quali Wynne è un vero esperto e un esponente di spicco. Vallardi ha selezionato proprio per questo motivo L’assassinio di Lady Gregor.

Con la locuzione enigma della camera chiusa o mistero della camera chiusa viene indicata una particolare varietà di romanzo o racconto poliziesco in cui l’indagine si svolge intorno a un delitto compiuto in circostanze apparentemente impossibili come quello scoperto in una camera chiusa dall’interno.

Solitamente, la soluzione viene data tramite la scoperta di un qualche congegno o stratagemma particolare messo in atto dall’assassino. In questo caso, però, ci troviamo davanti a qualcosa di diverso.

Conclusioni

Adoro l’atmosfera inglese, la sua splendida campagna e i suoi suggestivi manieri. Trovare questi elementi abbinati all’intrigo di un romanzo giallo è molto soddisfacente, devo dire. L’assassinio di Lady Gregor è stata una lettura piacevole e scorrevole, di quelle che ti tengono col fiato sospeso fino (davvero) all’ultimo capitolo.

Laureata in Lettere moderne
Lettrice forte
Vari corsi di editoria intrapresi
Collaboratrice di riviste indipendenti
Viaggiatrice indefessa




Fonte: Magozine.it