Dicembre 3, 2021
Da Radio Blackout
36 visualizzazioni


Ieri davanti ai cancelli del deposito Unes di Vimodrone, in provincia di Milano, il picchetto dei lavoratori è stato violentemente caricato dalla celere, tre persone sono state ferite. Dal comunicato dei Si Cobas, presenti sul posto e a sostegno dei lavoratori licenziati, si legge che la polizia ha provato inizialmente a isolare il presidio e poi ha iniziato a manganellare i lavoratori ai cancelli. Nonostante tutto lo sciopero è proseguito.

Lo sciopero è partito dai lavoratori di Trocazzano dato che 49 di essi sono stati licenziati e da mesi stanno lottando per ottenere il loro reintegro. Non solo, i lavoratori hanno iniziato la loro lotta da agosto anche per migliorare le proprie condizioni lavorative infatti, prima di essere licenziati l’azienda li aveva sospesi per uno sciopero che riguardava la richiesta di regolamentazione del loro contratto sui criteri del contratto nazionale della logistica e per colmare le differenze retributive.

Ad ora ci sono stati alcuni tentativi di dialogo da parte del sindacato che ha ottenuto dei tavoli in prefettura ma l’azienda al momento non ha aperto nessuna possibilità. Ne abbiamo parlato con i Si Cobas Torino presenti al picchetto.





Fonte: Radioblackout.org