15 visualizzazioni


 I primi pensieri del proletario sono la coscienza dello sfruttamento
di cui è vittima e la rivolta contro questo sfruttamento. Ma la rivolta pure e semplice
non ha senso; essa è priva di efficacia. Dal momento in cui ci sono degli sfruttati,
ci sono dei ribelli. Questi ribelli hanno ucciso e si sono fatti uccidere; essi
non hanno distrutto e neppure il più delle volte ottenuto un’attenuazione dello
sfruttamento. Non è sufficiente sollevarsi contro un ordine sociale fondato sulla
oppressione, bisogna cambiarlo, e non lo si può cambiare senza conoscerlo. 
Ciò che il proletariato dove sopprimere non è lo sfruttamento in generale,
bensì la forma specifica di sfruttamento che subisce: lo sfruttamento capitalistico.
Bisogna che il proletariato conosca le caratteristiche di questo modo di sfruttamento,
al fine di sapere che tipo di supporto offrire all’azione degli oppressi che vogliono
liberarsi. A questo scopo si rende indispensabile una visione storica dei differenti
modi di sfruttamento in rapporto le forme successive di produzione.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com