Agosto 19, 2021
Da Bure Bure Bure
4 visualizzazioni


Letto su Rayonnantes.org

È già giovedì 19 agosto! Il campo è iniziato 4 giorni fa e il tempo sta volando.

Eravamo più di 400 al giorno, e sta ancora salendo! 120 kg di pane al giorno, grazie al panificio mobile 😉

Tutta questa gente, ci vuole un sacco di autogestione, per fortuna abbiamo una grande collezione di cartelli su cui firmare per le nicchie moltipli. E un grande grazie a tutte le persone che si iscrivono per gli orari della tenda di benvenuto, per aiutare in cucina, per fare il pane, per occuparsi dei piatti, per preparare la colazione, per mettere via i pasti, per le nicchie per stare nell’area dei/delle bambin*. Ci sono anche persone che indicano l’ora (perché non tutt* hanno un orologio o un telefono), persone che ci ricordano l’importanza di riempire questa tabella: quando l’autogestione diventa meta-autogestione, non è cosa da poco. Il gruppo (r)evolutivo offre anche processi di facilitazione e organizzazione per le persone che vogliono portare questioni/proposte a livello dell’intero campo (ad esempio riguardo alla compagnia con i/le non-uman*, riguardo al rapporto con la semi-nudità ecc.)

Il team di traduzione con tutto il suo equipaggiamento permette ai non francofoni di partecipare il più possibile al campo. Traduciamo in inglese, tedesco, italiano e spagnolo!

Il raduno festoso e determinato si sta avvicinando velocemente, e i Rayonnantes stanno facendo la loro parte. Ogni giorno, per esempio, vengono organizzati workshop per formare gruppi d’azione. Un tale gruppo serve a preparare collettivamente l’azione, a prendere decisioni e a sostenersi a vicenda nell’azione. Ci sono momenti per creare questi gruppi, ma anche per allenarsi ad affrontare le pressioni fisiche e psicologiche… I workshop di movimento collettivo permettono di ridere molto e di gridare molti slogan mentre si avanza in modo agile e determinato, di fronte a poliziotti armati di chip da piscina. Ogni giorno, si può anche andare a vedere lo spettacolo di marionette che presenta la manifestazione e si possono fare molte domande al caffè legale. E la tenda dell’artivismo è disponibile per dare libero sfogo alla tua creatività

(scherzi a parte, l’elicottero continua a fare le sue visite amichevoli e il copswatch continua a riempirsi…)

I workshop si moltiplicano, difficile scegliere tra tutte le scelte. Puoi saperne di più sulle lotte antinucleari e soprattutto sulle questioni locali, o partecipare a discussioni sul sistema energetico, sul land grabbing, sulle questioni di cybersecurity, sul colonialismo energetico, sul rapporto con i media… Ci sono un sacco di workshop in mix scelto MINT (Donne, Intersesso, Non-binario, Trans) o queer, o in mix scelto tra persone razzializzate per scambiare su temi specifici o semplicemente per sostenersi a vicenda e condividere emozioni.

Inoltre, ci sono diversi spazi in mixità scelte, oltre al campeggio: spazi senza persone bianche, spazi MINT (Donne, Intersesso, Non-binario, Trans), spazi QUEER e spazi per persone neurodivergenti… C’è anche una roulotte della rabbia, lo spazio senza interazione, lo spazio chill, lo spazio dei/delle bambin*… Insomma, per tutte le necessità. È stato anche allestito un caravan informativo sulle questioni decoloniali, con libri, opuscoli e bevande calde per discutere di questi temi.

Il giovedì è una giornata di lavoro con il collettivo di orticoltor* les Semeuses. È stato un grande inizio con musica e percussioni rosa e argento!

La sera, si può scegliere tra andare a dormire presto, assistere a proiezioni o spettacoli teatrali, rilassarsi davanti al fuoco, che si trasforma in un coro improvvisato, o andare nella zona delle feste per un live set o una jam session! Puoi anche fare dei cooki o delle torte allo yogurt nella zona dei dolci. Mercoledì sera l’area delle feste era libera da persone cis-etero e giovedì sera è la serata MINT e wrestling!

Ci sono ancora molte cose che potremmo raccontare… Lasciamo il posto all’automedia del campo, che lavora su una fanzine. E anche registrazioni sonore. E micro trottole. E murales. Da continuare!

19/08/2021




Fonte: Bureburebure.info