Marzo 8, 2021
Da IWW Italia
91 visualizzazioni


Ora, come possono le persone che producono ricchezza entrare in possesso di quella stessa ricchezza? Io credo che se ogni ogni uomo e ogni donna che lavora nelle miniere, nei mulini, nelle officine, nei campi, nelle fabbriche e nelle fattorie, decidesse di riprendersi ciò che le appartiene di diritto, e che nessun fannullone vivrà più del loro lavoro, e quando la vostra nuova organizzazione, la vostra organizzazione economica, dichiarerà da uomo a uomo e da donna a donna, fratelli e sorelle, che avete deciso di riprendervi quella ricchezza, allora non ci sarà esercito abbastanza grande da sconfiggervi, perché l’esercito sarete voi.

Quando avrete deciso di prendere possesso di queste ricchezze, non ci sarà bisogno di sparare un colpo di pistola o erigere una barricata. Semplicemente, prenderete coscienza (…). La natura è stata generosa con noi. Ha messo su questa Terra tutta la ricchezza necessaria per rendere gli uomini e le donne felici. Ci ha dato il cervello per andare nel suo grande magazzino e prendere dai suoi recessi tutto ciò che ci è necessario. (…) C’è solo una cosa che ci manca, e abbiamo solo noi da incolpare se non abbiamo libertà. Ci manca semplicemente l’intelligenza per prendere possesso di questa speranza (…).

Voglio dirvi che la mia concezione del metodo futuro per prendere possesso di questa Terra è lo sciopero generale; questo è il mio pensiero. Il problema di tutti gli scioperi del passato è stato questo: i lavoratori, come ad esempio i fattorini delle nostre città che lavorano duro, scioperano, lasciano il lavoro e muoiono di fame. Le loro famiglie muoiono di fame. Le loro mogli si scoraggiano. Alcuni si sentono obbligati a elemosinare, per un po’ di carbone per tenere i loro bambini al caldo, o un pezzo di pane per evitare che le loro mogli muoiano di fame, o un qualcosa che mantenga la scintilla della vita in loro, in modo che possano rimanere schiavi del sistema salariale. Così è com’è andata per gli scioperi del passato. La mia concezione dello sciopero del futuro non è scioperare, lasciare il lavoro e morire di fame, ma scioperare, rimanere al lavoro e prendere possesso dei mezzi di produzione. Se qualcuno deve morire di fame – e non sto dicendo che sia necessario – che sia la classe capitalista. Ci hanno affamato abbastanza a lungo, mentre loro hanno goduto di ricchezza e lusso e tutto ciò che è necessario. (…)

Quindi, quando arriveremo a questa decisione, distruggiamo le differenze di nazionalità, religione e politica, e volgiamo gli occhi in eterno all’astro nascente della repubblica industriale del lavoro, ricordandoci che abbiamo lasciato il vecchio alle spalle e abbiamo guardato al futuro. Non c’è nessun potere sulla terra che possa fermare uomini e donne che sono determinatə ad essere liberə a tutti i costi. Non c’è nessun potere sulla terra così grande come il potere dell’intelletto. Esso muove il mondo e muove la Terra. (…) Spero anche di essere viva per poter vedere il giorno in cui sorgerà la prima alba della nuova era, in cui il capitalismo sarà una cosa del passato, e la nuova repubblica industriale, la società del lavoro, sarà in vigore. Vi ringrazio.

Estratti degli interventi di Lucy Gonzales Parsons al congresso fondante dell’IWW nel 1905




Fonte: Iwwita.it