Settembre 21, 2021
Da Infoaut
30 visualizzazioni


“Spesso sentiamo dire che vengono utilizzati gas chimici e tossici e anche alcuni campioni sono stati inviati a istituzioni internazionali. Ciò significa che le istituzioni internazionali e gli ambienti correlati prendono sul serio le affermazioni sulle armi chimiche e sui gas tossici”, scrive il dott. Hayri Hazargöl per il quotidiano Yeni Yaşam.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Quando si tratta di discussioni sulla questione curda in Turchia, le persone non sono in grado di sollevare critiche contro il governo e lo stato. Anche chi non trova favorevoli le politiche e le pratiche del governo adotta l’autocensura se l’argomento è la questione curda. (…)

In Turchia scoppiano incendi e si sentono artisti, autori e politici dell’opposizione alzare la voce per un intervento efficace per fermare gli incendi. Certo, questo è ciò che deve essere fatto in tutte le circostanze, ma il fatto è che, quando scoppiano gli incendi nelle province curde, la gente fa le tre scimmie: “Non ho visto, non ho sentito, non so niente”. I curdi, gli ecologisti, le organizzazioni non governative dicono: “Lo stato brucia le nostre foreste con i suoi carri armati, i mortai, gli aerei da guerra e gli elicotteri”. Inoltre, sottolineano che le persone che cercano di aiutare a fermare gli incendi non possono farlo. Di nuovo, la gente dice che i blindati dell’esercito turco che stanno combattendo contro la guerriglia del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) corrono così veloci per le loro strade, come in una gara, colpendo le persone. Questi problemi non vengono sollevati come un punto all’ordine del giorno per una discussione pubblica o politica più ampia.

Ci sono già migliaia di uccisioni non identificate, gli autori della maggior parte dei quali sono in realtà legati allo Stato, proprio come il massacro di Roboski, ma nessun soldato o agente di polizia è assicurato alla giustizia per non fermare il loro ‘entusiasmo’ nella battaglia contro il ‘terrorismo’.

Donne curde, giovani ragazze, vengono violentate, vengono uccise, ma gli autori o sono “sconosciuti” o se ne vanno in giro liberamente. I curdi e gli avvocati che si occupano di tali casi hanno ripetutamente affermato che c’è impunità, il che motiva ulteriori crimini. Ciò significa: essere liberi di commettere crimini contro i curdi! Nei crimini contro i curdi, nessun soldato, nessun ufficiale di polizia, nessun fascista e nessun autore che coopera con lo stato viene assicurato alla giustizia e vengono applicate politiche di impunità, anche se si presentano in tribunale.

Tre membri della famiglia Şenyaşar sono stati linciati a morte davanti agli agenti di polizia, ma i colpevoli sono fuori e camminano liberamente per le strade. Ora i curdi hanno un’altra affermazione: “Lo stato usa gas tossici e armi chimiche contro la guerriglia del PKK”.

Ora, nessuno può negare rapidamente una simile affermazione. Coloro che hanno usato gas tossici contro la popolazione di Dersim nel 1927-38 possono sicuramente usare armi chimiche in una tale guerra contro il PKK che ha persino il sostegno della NATO.

Ricordate İhsan Sabri Çağlayangil, un ex ministro degli esteri che ha parlato chiaramente di come “hanno avvelenato la popolazione di Dersim come topi nelle loro caverne?”

Ora ci sono notizie sulle operazioni transfrontaliere in corso e sull’uso di armi chimiche e gas tossici nelle grotte contro i guerriglieri che combattono contro i soldati turchi.

I canali televisivi curdi hanno trasmesso alcuni filmati in cui si afferma che la Turchia avrebbe utilizzato armi chimiche. Questo problema è ora nell’agenda dei curdi. Le gente nel nord dell’Iraq afferma che lo stato turco utilizza anche gas tossici e armi chimiche e che i loro villaggi vengono distrutti e centinaia di civili sono stati feriti e hanno perso la vita durante questi attacchi.

Coloro che sono rimasti feriti e sono diventati permanentemente disabili dopo questi attacchi hanno parlato anche sui canali televisivi curdi e seguiamo le loro dichiarazioni. Si sente spesso dire che vengono utilizzati gas chimici e tossici e anche alcuni campioni sono stati inviati a istituzioni internazionali. Ciò significa che le istituzioni internazionali e gli ambienti correlati prendono sul serio le affermazioni sulle armi chimiche e sui gas tossici. Tuttavia, poiché non vogliono opporsi alla Turchia, rimangono in silenzio su questo problema e coprono questi problemi. Ma questa volta, la Turchia può davvero affrontare un’accusa seria e questa volta anche i loro migliori amici potrebbero non essere in grado di stare al fianco della Turchia. (…)

Il governo del Partito della giustizia e dello sviluppo (AKP) e del Partito del movimento nazionale (MHP) governano a nome del popolo turco. Fanno politiche per conto del popolo turco e le mettono in pratica di conseguenza. Quindi tutte le loro azioni sono commesse per conto del “popolo”. Prendono la loro legittimità dal “popolo”. Quindi se qualcuna di queste affermazioni riflette la verità – sappiamo che c’è la prova che la maggior parte di queste affermazioni riflette la verità – allora ci sono crimini commessi per conto del “popolo della Turchia”.

Nessun governo ha il diritto di commettere crimini per conto del popolo. Nessun “popolo” dovrebbe essere screditato in questo modo.In questa prospettiva, tali pratiche sono crimini contro le persone e richiedono che i responsabili siano assicurati alla giustizia. Quindi, intellettuali, autori, accademici, politici, istituzioni per i diritti umani dovrebbero affrontare questi crimini, che si dice siano stati perpetrati dal governo turco governato dall’AKP e dall’MHP e annunciare i fatti al pubblico. Altrimenti in futuro tali crimini saranno commessi ancora più furiosamente.

Dr. Hayri Hazargöl

Da Rete KurdistanRete Kurdistan

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org