Marzo 14, 2022
Da Il Manifesto
200 visualizzazioni

Sono 2.808.792 i rifugiati che dall’Ucraina hanno attraversato i confini con i Paesi vicini in cerca di sicurezza dal 24 febbraio al 13 marzo. E’ l’ultimo aggiornamento dell’Unchr sulla crisi di rifugiati che «cresce più’ velocemente in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale».

Almeno 1,85 milioni di persone sono sfollate all’interno dell’Ucraina, riporta l’agenzia Onu, «tuttavia, è molto difficile fare una stima precisa poiché l’attuale situazione di sicurezza rende difficile seguire i movimenti della popolazione». Si stima che 12,65 milioni di persone siano state coinvolte nelle aree più colpite dalla guerra all’interno dell’Ucraina.

Sempre l’Onu ha fornito anche le cifre dei civili uccisi:. almeno 636 dall’inizio dei combattimenti. Lo ha reso noto l’Ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, precisando che tra loro si contano 46 bambini. Cifre che la stessa Onu ammette essere solo parziali data la difficoltà nel ricevere notizie da città come Kharkiv e Mariupol dove sono in corso intensi combattimenti.




Fonte: Ilmanifesto.it