Maggio 26, 2021
Da Infoaut
25 visualizzazioni


In Mali è caos politico a seguito del colpo di Stato militare della notte tra lunedì 24 e martedì 25 maggio. L’esercito ha arrestato il presidente di transizione, Bah N’Daw, e il primo ministro, Moctar Ouane, che poco prima avevano annunciato un rimpasto del governo: una decisione che non è evidentemente piaciuta a parte dei militari.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

I due sono stati così condotti a forza nella base militare di Kati, alle porte di Bamako, mentre la situazione nel Paese rimane confusa.

Come spiega il portale africa-express.info, il primo a dare la notizia di fatto in tempo reale, “il nuovo esecutivo sarà composto da 25 ministri, non tutti però sono stati sostituiti. Parecchi tra loro hanno mantenuto la loro posizione attuale o hanno semplicemente cambiato dicastero. Tra i new entries figura anche Boubacar Sidiki Samake, ex procuratore del pool anti-terrorista, che guiderà il ministero di Giustizia”.

Assieme ai militari, altri posti vanno invece al principale partito, Movimento 5 Giugno, “che ha maggiormente contribuito – aggiunge sempre africa-express.info – alla caduta del vecchio regime, il cui leader era il presidente Ibrahim Boubacar Keïta, spodestato con un golpe militare lo scorso anno”.

Con noi Massimo Alberizzi, direttore di www.africa-express.info. Ascolta o scarica

Da Radio Onda d’Urto

Potrebbe interessarti

  • ||||

    In Mali, nell’Africa nord-occidentale, grave crisi sociale che nei giorni scorsi ha portato a scontri violenti nelle strade, con almeno 11 morti e

  • L'Europa alla guerra

    In questi tempi di ormai periodiche avventure armate “umanitarie” in cui l’Europa non disdegna d’infilarsi (sono già lontani i tempi in cui Francia e Germania

  • Ancora tensione in Algeria e bombe sul Mali. Una catena lineare

    In Algeria continuano le ore di tensione nel campo di gas naturale della British Petroleum di In Amenas, dove due giorni fa decine di occidentali

  • Infami di guerra

    Mentre i candidati alle prossime elezioni continuano ad occupare gli schermi televisivi parlando del nulla, in alto vengono prese decisioni gravide di conseguenze. Da qualche

  • Mali. La stampa sotto chiave, il panico tra la popolazione: è il Colonialismo 2.0

    Dietro la retorica della guerra al terrorismo, le democrazie occidentali contendono alla Cina il primato economico sulla regione, assicurandosi l’accesso alle risorse strategicamente fondamentali a




Fonte: Infoaut.org