Ottobre 7, 2021
Da Il Manifesto
86 visualizzazioni


Una marcia inarrestabile quella dei quattro Måneskin che procedono come un moloch blindando successi a ripetizione e date. Il tour europeo che parte da Londra il 6 febbraio e si concluderà al Circo Massimo a Roma il 9 luglio, è un susseguirsi di sold out che li vedranno muoversi lungo tutto il vecchio continente. Così il quartetto romano dopo aver scalato le classifiche internazionali e calcato i palchi dei principali Festival estivi europei, si ripresenta con un nuovo singolo – disponibile su tutte le piattaforme da oggi mentre la seconda parte di Teatro d’Ira dovrebbe vedere la luce entro fine anno. Mammamia è il titolo del brano prodotto da Fabrizio Ferraguzzo & Måneskin, registrato in presa diretta per mantenere un suono molto ruvido.

GROOVE che cattura – e che è diventato un po’ il marchio di fabbrica di Damiano & co – una rock song dal potente giro di basso e una batteria incalzante. Un pezzo – ha spiegato la band presentando il singolo a Berlino in diretta zoom: «Nato proprio nei giorni successivi alla vittoria all’Eurofestival. La musica è nata velocemente, mentre il testo ci ha impegnato di più». Già perché nelle liriche qualche allusione alle accuse francesi nate da un video equivoco durante la finale, ma smentite subito da un test antidroga a cui sottopose Damiano, è più che evidente. «Siamo consapevoli del successo – sottolineano ancora Victoria, Damiano, Thomas e Ethan che proprio in queste settimane sono nelle posizioni alte delle classifiche rock di Billboard – ma restiamo con i piedi per terra. Cerchiamo di non farci travolgere: sul palcoscenico mettiamo la nostra energia, il divertimento. Nel privato siamo quattro normalissimi ragazzi». E le foto che li vedono spesso giocare con il corpo – il topless di Victoria, il nude look su instagram di tutta la band? «Sono un gioco, non c’è nulla di morboso».




Fonte: Ilmanifesto.it