Gennaio 27, 2021
Da Bure Bure Bure
238 visualizzazioni

Mappa della stretta dell’Andra

[ Visto su Reporterre.net articolo originale qui ]

All’inizio di agosto, l’Andra, l’agenzia per la gestione delle scorie radioattive, ha presentato la domanda di dichiarazione di pubblica utilità (DUP) per il progetto di smaltimento delle scorie radioattive di Cigéo. Se accettato, il DUP aprirebbe la strada alle espropriazioni. Ma le insidie, soprattutto quelle politiche, sono d’ostacolo.

L’azione si è svolta in silenzio, nel torpore dell’estate. Il 3 agosto scorso, l’Agenzia nazionale per la gestione delle scorie radioattive (Andra) ha posato un’altra pietra nell’edificio del più grande progetto industriale europeo, il centro di stoccaggio di Cigéo, che mira ad interrare 85.000 m² di scorie radioattive a 500 metri sottoterra a Bure, nella Mosa.

L’agenzia ha depositato la domanda di dichiarazione di pubblica utilità, più comunemente nota come DUP. Il dossier è attualmente all’esame dei servizi dello Stato presso il Ministero della Transizione Ecologica e potrebbe presto essere sulla scrivania del ministro Barbara Pompili.
La posta in gioco è alta. Alla fine, se lo Stato riconosce l’utilità pubblica del Cigéo, l’Andra potrà procedere con le espropriazioni e aumentare le sue già grandi proprietà terriere nella regione [vedi mappa qui sotto]. Potrebbero quindi iniziare i lavori di sterro, gli scavi archeologici e lo sgombero del terreno. « Il DUP è il punto di partenza per i lavori preliminari Â», ha avvertito il direttore del cantiere David Mazoyer nel 2019 sul giornale l’Est républicain.

Di per sé, l’archiviazione del DUP non è una sorpresa. « La voce era già circolata da diversi mesi senza essere convalidata né dal governo né dall’Andra« , dice Charlotte Mijeon della rete Sortir du nucléaire. L’Agenzia è addirittura in ritardo. In origine, la legge del 2006 sulla « gestione sostenibile dei materie e dei rifiuti radioattivi«  prevedeva un deposito nel 2015 e l’inizio dei lavori nel 2020. Nel corso degli anni, di fronte alle difficoltà tecniche e alla crescente opposizione, le scadenze sono esplose. Oggi, L’Andra prevede di iniziare i lavori entro il 2023-2024 e di mettere in funzione la discarica nel 2035 con l’arrivo dei primi pacchi radioattivi.

« Un programma illogico e immorale Â»

L’indagine del DUP richiederà ancora diversi mesi, mentre i servizi amministrativi e il Ministro della Transizione Ecologica studiano l’ammissibilità del dossier. In breve, essi valuteranno se i danni alle cose causati dagli espropri sono giustificati e non sproporzionati: una decisione legale ma anche altamente politica.

Andra spera di ricevere una risposta entro la primavera del 2021. Se il ministero convaliderà la sua richiesta, verrà avviata un’inchiesta pubblica in Mosa e Alta Marna e la popolazione scoprirà l’entità delle future espropriazioni necessarie per il progetto Cigéo. Per il momento, nessuna informazione è stata divulgata.

L’esame del DUP e della sua inchiesta pubblica potrebbe durare tra i 18 mesi e i due anni. Allo stesso tempo, Andra presenterà anche una richiesta di permesso di costruzione (DAC), un dossier in cui dovrà dimostrare la fattibilità tecnica e la sicurezza dello smaltimento in profondità dei residui radioattivi. La licenza edilizia non sarà ottenuta prima del 2023 o del 2024 al più presto, secondo le previsioni dell’Andra.

Il presidente di France nature environnement, Arnaud Schwartz, critica questo « calendario illogico e immorale« : « Ci viene chiesto di dichiarare un progetto di pubblica utilità per il quale non abbiamo ancora la prova che sarà ben gestito. Lanceremo espropri, cacceremo le persone dalle loro case quando il DAC non verrà rilasciato e l’Andra non avrà risposto ai numerosi problemi tecnici che si sono presentati per anni. Â»

Quest’estate, in particolare, France nature environnement ha pubblicato uno studio geologico che mette in discussione la qualità del suolo che dovrebbe mantenere la radioattività. Nel 2018, l’autorità francese per la sicurezza nucleare (ASN) ha anche sottolineato il rischio di incendio causato dalle scorie bituminose, che rappresentano il 18% dei pacchetti radioattivi di Cigéo. In questa fase, non è ancora chiaro come saranno gestiti.

Andra ha acquisito un impero terrestre

Reporterre ha intervistato l’Andra per maggiori dettagli su questa nuova tappa. Ma il quotidiano di ecologia ha ricevuto un rifiuto. Stessa cosa al Ministero della Transizione Ecologica. Le autorità sono state particolarmente discrete sul deposito del DUP. Non è stata rilasciata alcuna dichiarazione o comunicato stampa. Solo un dispaccio AFP lo rese ufficiale un mese e mezzo dopo, il 10 settembre.

« Andra, che di solito è così veloce a comunicare, è stato improvvisamente silenzioso« , ha detto Juliette Geoffroy dell’associazione antinucleare Cedra. All’interno dell’agenzia sembra regnare un malessere. « Il DUP aprirà la strada agli espropri, ma Andra teme che questo porterà a un aumento della mobilitazione locale« , pensa Laura Hameaux, della rete Sortir du nucléaire.

Per anni l’agenzia ha fatto di tutto per evitarle. Le espropriazioni sono costose in termini di tempo e di immagine. Ha quindi favorito gli scambi volontari e ha offerto alle persone che vivono vicino al suo laboratorio terreni in altre parti della Mosa e dell’Alta Marna.

Nel corso degli anni ha acquisito un vero e proprio impero terrestre. È anche uno dei più grandi proprietari terrieri della regione. Secondo un documento che Reporterre ha potuto ottenere, al 30 giugno 2020 possedeva quasi 2.600 ettari di foreste e terreni agricoli. Il costo totale è considerevole. Anche se i lavori non sono ancora iniziati e permangono problemi tecnici, l’Andra ha già speso più di 12,6 milioni di euro per l’acquisto di terreni in tutti e due i dipartimenti. Alcuni si trovano anche a più di 40 chilometri da Bure.

Il terreno acquisto dall’Andra intorno al laboratorio del Cigeo

L’Agenzia non ha esitato a schedare anche gli abitanti. Nel 2018, un documento interno pirato da parte degli oppositori ha dettagliato gli appezzamenti agricoli e forestali interessati dalla stretta del cantiere, con i nomi dei loro proprietari e gestori, insieme alle indicazioni « controllato« , « controllabile Â» o « difficile da controllare« . Qualifiche che si intendono valide non solo per il controllo del terreno, ma anche per i detentori del terreno, identificati come disposti o no a cedere di tali appezzamenti.

« Ma l’Andra non potrà acquisire tutto amichevolmente« , avverte Jean-François Bodenreider, il presidente dell’associazione Les Habitants vigilants de Gondrecourt-le-Château. « Alcuni residenti locali non vogliono rinunciare alla loro terra nonostante i prezzi interessanti che vengono offerti, e gli oppositori hanno acquistato collettivamente i terreni per rallentare i lavori. La battaglia promette di essere importante. Non ci tireremo indietro. »

Il dossier è sulla scrivania di Barbara Pompili, che si oppone al progetto

Un’altra questione potrebbe anche spiegare la discrezione dell’Andra nel presentare il DUP. Le recenti nomine di Barbara Pompili al Ministero della Transizione Ecologica e di Bérangère Abba come Segretario di Stato per la Biodiversità potrebbero complicare il compito dell’agenzia. Entrambe le personalità si sono ripetutamente dichiarate contrarie al progetto Cigéo e all’interramento profonda delle scorie radioattive.

Nel 2015, Barbara Pompili aveva denunciato la « negazione democratica Â» del processo di sviluppo del progetto Cigeo, che aveva descritto come una « pattumiera nucleare« . Nel 2018, ha detto al Journal de l’environnement di essere « ancora molto opposta al Cigéo« . Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla sicurezza nucleare, ha rilevato nel suo rapporto « il costo imprevedibile Â» del Cigéo e le « carenze in materia di sicurezza« . Ha sostenuto di perseguire lo studio di alternative, compreso lo stoccaggio a lungo termine nel sottosuolo.

Per quanto riguarda Bérangère Abba, la nuova segretaria di Stato per la Biodiversità, nel 2014 è stata fotografata con un cartello che diceva « Cigéo Bure, dico no« . Era stata membro dell’associazione antinucleare Cedra per un po’ di tempo prima di entrare definitivamente nel consiglio di amministrazione dell’Andra nel 2019. Interrogata da Reporterre in questa occasione, ha detto di essere rimasta « dubbiosa Â» sul progetto.

“Mi sono sempre interrogato sulla nozione di reversibilità, sui costi e sull’etica di questo metodo di gestione.”

Le voci circolano all’interno della comunità ecologista e dell’amministrazione. Un’opzione potrebbe benissimo emergere: il ministro della Transizione ecologica potrebbe ritardare l’indagine del dossier fino alle prossime elezioni presidenziali del 2022. A meno che, di fronte alle lobby e alle pressioni del governo, non abbia già cambiato la sua posizione, come fece Nicolas Hulot a suo tempo.

21/09/2020




Fonte: Bureburebure.info