Gennaio 26, 2022
Da Infoaut
141 visualizzazioni

L’EZLN, con un comunicato stampa uscito il 13 settembre, ha parlato del “Chiapas sull’orlo della guerra civile” a causa della crescita esponenziale della violenza nello stato. Violenza in primis contro le comunità zapatiste ma non solo.

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Se nel Messico la violenza è certamente un dato strutturale fatto di morti e desaparecidos a causa della mal chiamata “guerra alla droga” il Chiapas ha rappresentato per anni un’isola felice.

L’incidente mortale dove hanno perso la vita 56 migranti così come la campagna a sostegno dell’EZLN chiamata “Nuestra lucha es por la vida” non fanno che mostrarci come il potere genera una violenza asimmetrica mentre i movimenti dal basso si muovono per equilibrare la situazione.

 Cos’è successo ora? Come e perché anche lo Stato confinante con il Chiapas, ossia il Guatemala, vive una significativa e strutturale crescita del fenomeno? Sono sono alcune delle domande che abbiamo fatto a Pedro Faro, coordinatore del Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomè de Las Casas.  Ascolta o scarica

P.S. si ringrazia per la traduzione Annamaria Pontoglio, comitato Chiapas Maribel di Bergamo

Da Radio Onda d’Urto

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org