Ottobre 1, 2021
Da Attaque
121 visualizzazioni


Il processo del 20 settembre, che avrebbe affrontato il ricorso contro la condanna a 4 anni di prigione, non ha potuto avere luogo a causa dello stato di salute ancora critico del nostro compagno Boris, che continua ad essere tenuto in coma artificiale.

I giudici hanno deciso di “liberarlo” senza controllo giudiziario e di rimandare il processo a data da destinarsi.

Possiamo solo rallegrarci del fatto che Boris non sia più sotto il controllo dell’ amministrazione carceraria, purtroppo non ha ancora chiuso i suoi conti con il sistema giudiziario, poiché la fine della sua pena (di detenzione preventiva) e il suo appello sono solo sospesi e rimandati a data da destinarsi.

Le parole e i fatti che si moltiplicano in solidarietà con Boris fanno nascere in noi il desiderio di vivere al di fuori di ogni autorità.

Anarchici solidali e complici,
28 settembre 2021

[Traduzione: Inferno Urbano]

[en français] [in English]




Fonte: Attaque.noblogs.org