80 visualizzazioni


Nel 1919, a marzo trentanove
‘indesiderati’ furono portati a Ellis Island per completare le procedure di espulsione,
tra loro Andrea Ciofalo del Gruppo Bresci di New York, a suo tempo tra gli espatriati
in Messico. II Dipartimento del Lavoro prevedeva circa settemila deportazioni e
la stampa riportava le reazioni soddisfatte delle autorità: “Gli Stati Uniti
stanno per essere ripuliti dalla  presenza
di stranieri anarchici e facinorosi.”

Il primo a partire fu Pietro Marucco, un minatore del Gruppo Demolizione
di Latobe, Pennsylvania, imbarcato sul transatlantico Duca degli Abruzzi. Durante
la traversata, però, Marucco mori in circostanze non chiarite e fu sepolto in mare.
Questo fatto fece crescere ulteriormente la tensione fra gli anarchici: esisteva
forse un inconfessabile accordo tra i due governi per l’eliminazione dei sovversivi
prima del loro arrivo in Italia?

In quei giorni un comunicato dal titolo Go-Headit! (Avanti!) firmato
“The American Anarchists”, fu diffuso in tutto l’Est del paese. I vecchi
Fossili che governano gli Stati Uniti vedono rosso!

Subodorando la loro distruzione hanno tentato di tenere sotto controllo
la tempesta promulgando la legge sulla Deportazione per tutti i rivoluzionari stranieri.

Noi, gli Anarchici Americani, non protestiamo, perché è Inutile sprecare
energie con le persone deboli di mente guidate da Sua Maestà Fonografo Wilson.

Non pensiate che solo gli stranieri sono anarchici, siamo in gran numero
anche qui.

La deportazione non impedirà alla tempesta di raggiungere le nostre coste.
La tempesta é qui e molto presto vi farà saltare e annichilire nel sangue e nel
fuoco.

Non avete mostrato pietà per noi. Non ne avrete da noi.

Deportateci! Vi faremo saltare in aria!

Deportateci tutti o liberateci tutti!

Fra le righe del documento si leggeva
un appello alla classe operaia americana, l’eterna assente nella lotta di resistenza
portata avanti dagli aliens e, per una volta, gli americani risposero bloccando
per cinque giorni l’intera città di Seattle con uno sciopero generale. 




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com