Marzo 23, 2021
Da Infoaut
291 visualizzazioni

Sgombero all’alba di martedì 23 marzo al rifugio autogestito “ChezJesOulx”, l’ex casa cantoniera occupata nel dicembre 2018 a Oulx, in Alta Valle di Susa, che da due anni è l’unico punto di riferimento autorganizzato per i migranti in viaggio lungo i monti che segnano il confine tra Italia e Francia.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Compagne e compagni sono rimasti all’interno, assieme a diversi migranti, bambini compresi, nel sottotetto, mentre all’esterno Carabinieri, Vigili del fuoco e Digos sgomberavano lo stabile, ponendo tutti i presenti in stato di fermo.

La corrispondenza con una compagna del rifugio autogestito “ChezJesOulx”. Ascolta o scarica

Da Radio Onda d’Urto

Potrebbe interessarti

  • ||||

    Maxioperazione di Polizia martedì 23 febbraio, all’alba, nel Triestino, con tanto di coinvolgimento dell’Ucigos, l’ufficio della Polizia di Stato che si occupa di

  • ||||

    Questa domenica 17 gennaio circa 7 mila persone che fanno parte della carovana di migranti sono state represse dall’esercito

  • ||||

    Riceviamo e pubblichiamo questa lettera scritta da Francesca, attivista per i diritti umani attualmente presente al confine tra la

  • ||||

    Le frontiere sono essenziali per dividere e invisibilizzare, negare corpi ed identità, cancellare sogni e speranze, annullare i diritti e la cittadinanza. Per

  • ||||

    Il 3 oltre un migliaio di manifestanti in piazza contro Salvini a Catania, che nonostante tutte le chiamate sui social raduna circa quattrocento




Fonte: Infoaut.org