Febbraio 1, 2021
Da Radio Blackout
273 visualizzazioni

Venticinquesimo giorno di sciopero della fame per Dimitri Koufonidas, contro una legge approvata a inizio gennaio che stabilisce che chi è condannato per terrorismo non può accedere a istituti penitenziari più “aperti” destinati ai prigionieri di lungo corso.  Attualmente Dimitri si trova all’ospedale di Lamia in seguito all’aggravarsi delle sue condizioni.

In Grecia continua il regime di lockdown progettato “ad hoc” per evitare le manifestazioni politiche, vietando gli assembramenti solo nei giorni in cui sono previste manifestazioni.

Questa settimana sono previste altre due manifestazioni, mercoledì e giovedì. La prima di supporto alla lotta di Koufonidas e la seconda contro la possibile riforma universitaria che potrebbe essere varata dal governo proprio giovedì.

Ascolta l’intervista:





Fonte: Radioblackout.org