Aprile 26, 2022
Da Infoaut
208 visualizzazioni

Sfruttando le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) il governo Draghi ha preso la decisione di realizzare una nuova area militare nel Parco Regionale di San Rossore-Migliarino-Massaciuccoli dove trovera residenza il Reggimento Carabinieri paracadutisti Tuscania. Sul territorio si è sviluppato un ampio fronte di protesta che salda tra loro le istanze del movimento ambientalista con quello contro la guerra e le servitu’ militari.

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Una partecipatissima assemblea pubblica si è tenuta a Colzano nei giorni scorsi: sono state approvate diverse iniziative da tenere nei prossimi mesi.  Prima tappa: il Consiglio comunale di Pisa di martedì 26 aprile. ” Chiediamo che il Consiglio comunale e il Sindaco ci ascoltino e assumano una chiara posizione contro questo progetto, chiediamo che su questa base si vada al tavolo regionale del 4 maggio dicendo il no dei cittadini e delle cittadine al Ministero della difesa, all’ Arma dei Carabinieri e alla Regione Toscana” scrivono gli organizzatori annunciando un presidio di protesta a partire dalle 15.30 sotto il Comune il 26 aprile e sotto la Regione il 4 maggio. Prime tappe di un percorso verso la manifestazione nazionale del 2 giugno, Festa della Repubblica.

Tra gli animatori della mobilitazione Luigi Piccioni storico delle aree protette, ricercatore all’ Universita’ della Calabria e redattore della rivista Altronovecento della Fondazione Micheletti  Ascolta o scarica

Da Radio Onda d’Urto

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org