Gennaio 14, 2022
Da IWW Italia
75 visualizzazioni


Ogni luogo di lavoro non-sicuro dovrebbe chiudere.

La scuola è uno di questi: le classi sono ancora stracolme (molte superano le 30 persone) di persone vaccinate e non, con un sistema di tracciamento in sofferenza; i dispositivi di protezione non sempre sono adeguati o garantiti; le regole minime di sicurezza sul distanziamento e l’uso delle mascherine (in molti istituti le ffp2 promesse non sono ancora arrivate) non vengono automaticamente rispettate da personale e studenti (solo il peggiore dei burocrati può pensare una sciocchezza del genere); l’unico sistema di areazione scolastica (finestre spalancate) garantirà una minima protezione protezione contro il virus? forse, di sicuro offre anche una massima esposizione alle malattie da raffreddamento; l’attuale assenza del personale e di studenti per malattia ha portato a una gestione schizofrenica della didattica, ingestibile per una classe docente non formata per l’uso della dad (figurarsi in versione blended); il governo ha deciso di far rientrare in presenza bambini vaccinati in questi giorni, senza dare il tempo necessario (circa due settimane) alla copertura vaccinale. Chi parla di presenza i questi giorni usa personale e studenti come merce politica di scambio. Ancora una volta: il lavoro prima della salute, la scuola come parcheggio.

<img data-attachment-id="622" data-permalink="https://www.iwwita.it/2022/01/14/non-solo-la-scuola/image-2/" data-orig-file="https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?fit=1200%2C500&ssl=1" data-orig-size="1200,500" data-comments-opened="1" data-image-meta="{"aperture":"0","credit":"XAVIER DE FENOYL /","camera":"","caption":"DDM XAVIER DE FENOYL / ENTRE 1300 ET 2000 PERSONNES Du00c9FILENT u00c0 TOULOUSE DANS LE CADRE DE LA JOURNu00c9E DE GRu00c8VE ET DE MANIFESTATION DE L'EDUCATION NATIONALE . PARMI LES REVENDICATIONS : UNE MEILLEURE GESTION DE LA PANDu00c9MIE DANS LE MILIEU SCOLAIRE, MAIS AUSSI LA QUESTION DES SALAIRES DES PROFS","created_timestamp":"0","copyright":"XAVIER DE FENOYL","focal_length":"0","iso":"0","shutter_speed":"0","title":"","orientation":"1"}" data-image-title="image" data-image-description data-image-caption="

DDM XAVIER DE FENOYL / ENTRE 1300 ET 2000 PERSONNES DÉFILENT À TOULOUSE DANS LE CADRE DE LA JOURNÉE DE GRÈVE ET DE MANIFESTATION DE L’EDUCATION NATIONALE . PARMI LES REVENDICATIONS : UNE MEILLEURE GESTION DE LA PANDÉMIE DANS LE MILIEU SCOLAIRE, MAIS AUSSI LA QUESTION DES SALAIRES DES PROFS

” data-medium-file=”https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?fit=300%2C125&ssl=1″ data-large-file=”https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?fit=640%2C267&ssl=1″ width=”640″ height=”267″ src=”https://www.anarchistfederation.net/pixel.jpg?z=?resize=640%2C267&is-pending-load=1#038;ssl=1″ alt class=”wp-image-622 jetpack-lazy-image” data-recalc-dims=”1″ data-lazy-srcset=”https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?resize=1024%2C427&ssl=1 1024w, https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?resize=300%2C125&ssl=1 300w, https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?resize=768%2C320&ssl=1 768w, https://i1.wp.com/www.iwwita.it/wp-content/uploads/2022/01/image.jpg?w=1200&ssl=1 1200w” data-lazy-sizes=”(max-width: 640px) 100vw, 640px” srcset=”data:image/gif;base64,R0lGODlhAQABAIAAAAAAAP///yH5BAEAAAAALAAAAAABAAEAAAIBRAA7″>

GLI INSEGNANTI CHIEDONO UNA MIGLIORE GESTIONE DELLA PANDEMIA E IL MIGLIORAMENTO DEI CONTRATTI

Nel frattempo in Francia ha preso il via lo sciopero degli insegnati, compatti contro il governo che vorrebbe far ricadere su di loro la pandemia. Le principali sigle sindacali del settore hanno lanciato l’appello (Fsu/Cgt/Fo/Sud) e secondo i reporter il 75% degli insegnati elementari e il 62% di medie e superiori ha aderito alla protesta, indetta per fermare la disorganizzazione del governo, che in due settimane ha cambiato tre volte i protocolli anti-Covid, senza soddisfare le richieste di maggiore sicurezza e distribuzione di mezzi sanitari adeguati. Buone notizie insomma, dall’estero.

Sciopero in Francia, notizia di orizzontescuola

Comunicato CGT

Comunicato SUD

Comunicato CNT




Fonte: Iwwita.it