Novembre 25, 2021
Da Campania Libertaria
101 visualizzazioni


Il 15 novembre, la Corte regionale di Minsk ha ascoltato il processo penale contro gli anarchici Dzmitry Dubouski, Ihar Alinevich, Syarhei Ramanau e Dzmitry Rezanovich.

Il giudice Vyachaslau Tuleyka ha deciso di tenere il processo a porte chiuse. Sono stati ammessi solo parenti vicini e rappresentanti dei media russi sul posto. Al resto della gente non è stato permesso entrare, “poichè non c’erano posti”, si presume.

I convenuti sono stati detenuti il ​​28 ottobre vicino al confine con l’Ucraina. Il Ministero degli Affari Interni ha riferito di aver sequestrato due armi da fuoco con munizioni, una granata a mano, una pistola traumatica con munizioni, armi bianche e lattine di gas di pepe, uniformi e zaini di stile militare, tende, pala, ascia, lanterne, laptop e tablet, Tracker GPS, registratori video, telecamere, azionamenti per penne, operatore mobile ucraino della SIM, attrezzature di comunicazione radio con auricolari nascosti, abbigliamento e attrezzature speciali, carte bancarie, denaro in diverse monete. Il Comitato per la sicurezza statale ritiene che il Gruppo Alinevich sia responsabile del fuoco criminale della provincia di Stato della Provincia di Mazyr e delle auto ministeriali pubbliche a Salihorsk.

Tutti e quattro sono accusati di “atto del terrorismo” (parte 2 dell’articolo 289 del codice penale) e “traffico illegale di armi” (parte 2 e parte 4 dell’articolo 295 del codice penale). Allo stesso tempo, Alinevich e Dubouski sono anche accusati di “movimento illegale oltre frontiera di sostanze proibite” (parte 1 dell’articolo 333). (Parte 1 dell’articolo 333-1 del codice penale).

Traduzione: Campania Libertaria

Fonte: A.N.A




Fonte: Campanialibertaria.noblogs.org