Ottobre 16, 2021
Da Infoaut
68 visualizzazioni


Le riprese video recentemente pubblicate riprese all’interno dei tunnel utilizzati dai combattenti curdi che da aprile sono in conflitto con le forze armate turche da sollevano nuovamente interrogativi sul presunto uso di gas chimico da parte della Turchia.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Le riprese video appena emerse che secondo quanto riferito sono state girate ad agosto da combattenti curdi e recentemente pubblicate da Medya Haber TV mostrano che i tunnel in montagna che i combattenticurdi hanno utilizzato sono riempiti con una sorta di gas di colore verde. Il filmato mostra come la visibilità nei tunnel sia diminuita fino a mezzo metro a causa del denso gas di colore verde.

I combattenti curdi per potersi muovere nei tunnel sono stati visti utilizzare maschere antigas e luci .Non è noto quale tipo di gas o sostanze chimiche causino il fumo verde nel video. Ci sono state ripetute affermazioni secondo cui la Turchia diffonde gas chimico nel Kurdistan iracheno:secondo l’agenzia Mesopotamia solo nell’ultimo mese 548 persone che vivono nelle vicinanze di Kanimasi sono state portate negli ospedali di Duhuk e in altre città della regione a causa di problemi di salute e sintomi sospetti che possono essere stati causati da gas chimici. Tutti gli individui che sono stati ricoverati in ospedale hanno mostrato sintomi associati a una sorta di gas chimico, tra cui bruciore agli occhi, visione offuscata, cecità temporanea, mal di testa acuto, sangue dal naso, mancanza di respiro ed eruzioni cutanee.

Secondo quanto riferito, i lavoratori degli sportelli di crisi formati dal Partito democratico del Kurdistan (KDP) hanno trasferito coloro che sono giunti negli ospedali con tali sintomi per essere curati nelle strutture ospedaliere da campo situate nella base militare dell’esercito turco a Bamernê.

Ci sono stati anche precedentemente diversi rapporti incentrati sulle affermazioni sull’uso di armi chimiche da parte della Turchia nelle operazioni transfrontaliere in corso nel nord dell’Iraq.

Il 1° ottobre il Christian Peacemaker Teams (CPT) ha pubblicato un aggiornamento sull’impatto dell’operazione militare turca “Claw-Lightning” nel Kurdistan iracheno, con una nota significativa che fa riferimento a rapporti che suggeriscono che la Turchia il 4 settembre abbia utilizzato armi chimiche o fosforo bianco in un attacco mirando ai terreni agricoli .

Riferendosi ad alcuni dei filmati e delle immagini pubblicate scattate nel Kurdistan iracheno e pubblicate a sostegno delle accuse secondo cui la Turchia utilizza gas chimici nella regione, la dott.ssa Gisela Penteker dell’International Physicians for the Prevention of Nuclear War ha affermato:

“Non siamo specialisti in armi chimiche, guardando quelle immagini, ovviamente, non ci sono prove. Ma ci sono molti, molti segnali che ci fanno pensare che siano usate armi chimiche, e ovviamente ci uniamo al popolo curdo nel chiedere agli organismi internazionali di dimostrarlo”. Se un membro della NATO usa armi chimiche ha osservato la dottoressa: “Non possiamo tacere su questo. Quello che possiamo fare è chiedere sempre, e ancora lasciate che il personale dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche vada lì e controlli e lo dimostri, o dimostri che non è vero.

Da Rete Kurdistan

http://www.retekurdistan.it/wp-content/uploads/12102021-G824-CHEMICAL-GAS-227-WebInsta_1.mp4http://www.retekurdistan.it/wp-content/uploads/12102021-G824-CHEMICAL-GAS-227-WebInsta_1.mp4

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org