22 visualizzazioni


Stamattina picchetto solidale, strappati nuovi 20 giorni di proroga. Asia-Usb: “Continuerà la pressione su Acer l’assegnazione di casa popolare” ma sul diritto all’abitare “è ora di mettere in campo soluzioni reali e durature, dall’ampliamento dell’edilizia residenziale pubblica allla calmierazione del mercato privato”.

20 Maggio 2021 – 17:56

“Oggi abbiamo ottenuto il rinvio dell’esecuzione dello sfratto al 9 giugno grazie al presidio resistente che da stamattina era presente insieme alla famiglia! Nel poco tempo concesso continuerà la pressione verso Acer per rendere effettiva l’assegnazione di casa popolare che spetta di diritto al nucleo familiare”. È l’aggiornamento diffuso da Asia-Usb, che questa mattina ha picchettato l’appartamento dove vivono un lavoratore rimasto disoccupato a causa della pandemia e la sua famiglia.

Prosegue l’asssociazione inquilini, afffiancata in piazza da Cambiare Rotta: “Ci chiediamo come Comune e istituzioni pubbliche, perennemente assenti, pensino di gestire un’emergenza abitativa che sta colpendo migliaia di famiglie e persone. È ora di mettere in campo soluzioni reali e durature, dall’ampliamento dell’edilizia residenziale pubblica allla calmierazione del mercato privato. Visto che le istituzioni latitano, continueremo ad organizziarci insieme agli inquilini per pretendere un cambio di rotta radicale della gestione del diritto all’abitare!




Fonte: Zic.it