Ottobre 28, 2021
Da Il Manifesto
67 visualizzazioni


Il comitato centrale della Fiom dà il via alle mobilitazioni sindacali contro il governo. Approvato all’unanimità la proposta di Francesca Re David di un pacchetto di 8 ore di sciopero per «la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori per chiedere al governo e al sistema delle imprese risposte in tema di crisi industriali e occupazionali, riforma degli ammortizzatori sociali, precarietà del lavoro, salute e sicurezza, sistema degli appalti e dei subappalti, pensioni e contrasto dell’evasione fiscale».

Nei prossimi giorni verificherà le modalità di attuazione, anche «nel confronto con Fim e Uilm (oggi riunione fra i segretari generali, ndr) e in relazione al percorso di mobilitazione e di sciopero che Cgil Cisl e Uil decideranno» dopo la manovra.

È evidente però che dopo la «firma separata» sull’accordo sul «polo torinese» con Stellantis, la Fiom è pronta ad andare avanti da sola, senza attendere l’unità sindacale fra i metalmeccanici.




Fonte: Ilmanifesto.it