Ottobre 16, 2021
Da Infoaut
67 visualizzazioni


Alle prime ore del mattino del passato 12 ottobre ci hanno informato sulla distruzione di tre camion, tre fuoristrada e quattro macchine forestali, ai confini tra i comuni di Lumaco e Traiguén, luogo che l’impresa forestale implicata chiama il “fondo Santa Lidia”, che si trova nel nord del Wallmapu.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Alcune ore dopo l’Organo di Resistenza Territoriale Pelontraru, appartenente al Coordinamento Arauco Malleco, ha rivendicato l’azione di sabotaggio dichiarando: “l’ORT Pelontraro, CAM, ha effettuato un’azione di sabotaggio contro un lavoro forestale in risposta alla decisione del governo di Sebastián Piñera che ha decretato lo stato d’emergenza in tre regioni menzionate come macrozona sud, che corrispondono ad una parte del Wallmapu. Il risultato di questa azione è la distruzione totale di almeno 10 macchine al servizio dell’impresa forestale”.

In questo modo una parte del movimento mapuche manifesta la sua opposizione all’incursione militare che è cominciata a seguito del decreto di stato d’emergenza emesso dal  presidente Sebastián Piñera, specificatamente nei territori dove c’è una maggiore presenza di popolazione mapuche.

Radio Kurruf

15 ottobre 2021

tratto da Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org