Maggio 20, 2021
Da Infoaut
82 visualizzazioni


“Ricordiamo i nostri compagni caduti e salutando la lotta palestinese. Lunga vita all’internazionalismo! Lunga vita alla lotta in Palestina! “

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Il Kurdistan Solidarity Network ha rilasciato una dichiarazione in occasione del 18 maggio, in vista dell’anniversario del martirio di diversi internazionalisti come Haki Karer e Ibrahim Kaypakkaya. La dichiarazione completa del Kurdistan Solidarity Network include quanto segue: “Il Kurdistan Freedom Movement onora i compagni caduti non dimenticando mai la loro eredità e combattendo in loro nome per il mondo in cui vogliamo vivere. Oggi, 18 maggio, segna l’anniversario del martirio di diversi compagni internazionalisti: Haki Karer e Ibrahim Kaypakkaya. Li ricordiamo per l’influenza che hanno avuto sui membri fondatori del nostro movimento. Ricordiamo con un significato rivoluzionario aggiunto come migliaia di palestinesi siano in sciopero generale contro l’apartheid dello stato israeliano. Questi rivoluzionari erano di origine turca, ma ognuno prese il proprio posto nella lotta internazionalista per il socialismo e una vita libera ovunque. Riconoscevano che la libertà del popolo turco era indissolubilmente legata alla libertà dei curdi, degli armeni e di tutte le altre nazioni colonizzate che erano state conquistate con la fondazione dello stato turco nel 1923.

Con gli attacchi al popolo palestinese, sia nella Cisgiordania occupata che a Gaza nell’ultima settimana, vediamo che il tempo per ricordare questi rivoluzionari e come hanno messo al centro l’internazionalismo come parte delle loro stesse lotte non potrebbe essere un promemoria migliore per ciò che dobbiamo fare come rivoluzionari che vivono nell’attuale periodo del capitalismo in fase avanzata. È necessario vedere come tutte le nostre lotte sono collegate e come in tutto ciò che facciamo dobbiamo ricordare di centrare il nostro obiettivo finale. Liberazione totale – per tutte le persone – ovunque. In questo momento, la Palestina ha bisogno del nostro sostegno e della nostra solidarietà. Molti gruppi rivoluzionari nel Regno Unito hanno un focus, una questione per la quale stanno lottando o un aspetto del capitalismo contro cui stanno combattendo. In ogni caso si può trovare una connessione con la lotta palestinese, ampliando gli orizzonti di queste campagne e mostrando che ci sono spesso forze oppressive comuni.

Le aziende globali come G4S sono essenziali per mantenere l’apartheid in Palestina; gestire prigioni che trattengono i palestinesi per periodi di tempo non specificati in condizioni spaventose. Nel caso di G4S, è coinvolto con il complesso industriale carcerario sia nel Regno Unito che in Nord America, nonché con la detenzione e la deportazione di migranti in tutta Europa. Sono il terzo più grande datore di lavoro privato al mondo. Perché e come una società di intermediazione mobiliare è diventata così grande da essere il più grande datore di lavoro di europei e africani su questo pianeta? Qual è la minaccia da cui si stanno difendendo?

Mentre le aziende che stanno sostenendo lo sforzo capitalista operano a livello globale, noi rivoluzionari dobbiamo anche operare a livello globale e rafforzare la lotta reciproca laddove possibile. Nel caso del Kurdistan Freedom Movement, la collaborazione con la lotta palestinese non è senza precedenti. All’inizio degli anni ’80 molti dei primi guerriglieri del PKK furono addestrati nella valle della Bekka in Libano dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP). La Prima Intifada ha messo al centro la liberazione delle donne nello stesso modo in cui lo fa il nostro movimento e ha condiviso molti dei valori fondamentali che abbiamo oggi. Sia Netanyahu che Erdogan sono in posizioni politiche più deboli di quanto non abbiamo visto da molto tempo. Tuttavia, entrambi faranno di tutto per mantenere il potere ed entrambi hanno una popolazione che possono demonizzare per guadagnare popolarità e mostrarsi come leader forti ai nazionalisti e all’estrema destra nei rispettivi paesi. Il tempismo degli attuali attacchi a Gaza e alla Cisgiordania occupata non avrebbe potuto essere migliore per Netanyahu; la fragile alleanza di politici israeliani e palestinesi che costituiva la sua principale opposizione dopo le ultime elezioni si è disintegrata nell’ultima ondata di violenza. Ciò significa che c’è una forte possibilità che avrà ancora una volta l’opportunità di formare un governo dopo le prossime elezioni (le quinte negli ultimi due anni).

C’è un detto curdo in Turchia secondo cui quando la lira cala di valore, il sangue curdo scorre. La Turchia attraversa da anni un periodo di crisi economica e stagnazione sotto il partito al governo AKP, poiché la guerra tra le forze statali turche e la minoranza curda ha raggiunto un livello mai visto dagli anni ’90. Ora, mentre la pandemia di Coronavirus continua a devastare l’economia turca guidata dal turismo, lo stato della democrazia e lo status delle minoranze all’interno del confine dello stato nazionale turco continuano a deteriorarsi. Negli ultimi anni, Erdogan ha imprigionato più leader del Partito Democratico dei Popoli (HDP) che mai, istigato continui attacchi contro le forze di guerriglia nelle montagne del Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale) e attualmente sta trattenendo il flusso d’acqua nel Regioni curde sia della Siria che dell’Iraq, portando a un’imminente catastrofe umanitaria. Attraverso questi attacchi alle influenze democratiche in Israele e Turchia, l’obiettivo di mantenere il potere viene raggiunto e la dittatura può essere mantenuta in entrambi i paesi. Il 15 maggio abbiamo visto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu pronunciare un discorso in cui affermava che “la Turchia sosterrà sempre i suoi fratelli e sorelle palestinesi”, mascherando la realtà che lo Stato turco è uno dei maggiori importatori di armi israeliane. Durante l’ultima invasione del Rojava, rumori simili sono stati fatti a Tel Aviv a sostegno della lotta curda. Entrambe queste affermazioni riflettono le parole vuote delle nazioni fantoccio del nucleo imperiale e i loro tentativi di dividere e governare il Medio Oriente.

Se i rivoluzionari in Kurdistan e Palestina possono essere messi l’uno contro l’altro attraverso tali dichiarazioni, non vedremo mai una collaborazione come quella che è avvenuta nella Valle della Bekka negli anni ’80 ei nostri movimenti saranno più deboli per questo. Dividi e governa è una tattica classica dell’imperialismo e non dovrebbe essere consentito danneggiare la nostra lotta comune. Concludiamo quindi questa dichiarazione ricordando i nostri compagni caduti e salutando la lotta palestinese. Lunga vita all’internazionalismo! Lunga vita alla lotta in Palestina! “

Da ANF

Potrebbe interessarti

  • ||||

    Ospedali al collasso, strade distrutte e feriti portati a spalla. Stamattina ancora una cinquantina i bombardamenti israeliani sulla Striscia,

  • ||||

    Sono almeno 212 i morti dell’aggressione israeliana a Gaza, in Palestina. Tra loro,  61 sono minori. 1.400 i feriti. I più gravi, 263, sono passati dal

  • ||||

    Le compagnie di social media, tra cui Facebook, hanno ammesso che i post pro-Palestinesi sono stati rimossi, incolpando pretestuosamente “bug tecnici” e “filtri

  • ||||

    [Oggi che l’occupazione israeliana dimostra ancora una volta agli occhi del mondo tutta la sua

  • ||||

    A Torino ieri più di 6mila persone sono scese in piazza in solidarietà alla Palestina. Il presidio è iniziato in piazza Castello, dopo




Fonte: Infoaut.org