Dicembre 5, 2021
Da Infoaut
103 visualizzazioni


La squadra, che spera di qualificarsi per l’Amputee Football Club, si è allenata giovedì, il giorno prima della Giornata internazionale delle persone con disabilità.

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Fonte: english version

The New Arab Staff- 3 dicembre 2021

Immagine di copertina: La nazionale è stata formata da cinque club per amputati di Gaza [Sameh Rahmi/NurPhoto/Getty]

Giovedì i giocatori della Striscia di Gaza assediata hanno usato stampelle e protesi per fare stretching, correre e dribblare, allenandosi, come  prima squadra nazionale palestinese che spera di qualificarsi per la Coppa del mondo di calcio per amputati.

La squadra si è allenata al Palestine Stadium di Gaza City sotto la supervisione del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

I 20 giocatori sono stati selezionati tra i cinque club di Gaza per giocatori che hanno perso gli arti.

Il giocatore Hassan Abu Kareem, 38 anni, ha detto che la sua gamba è stata amputata dopo essere stato ferito in un raid israeliano nel campo profughi di Al-Maghazi nel 2006.

“Dal momento dell’infortunio, la mia vita non è cambiata”, ha detto all’AFP.

“Ho continuato a cercare di realizzare la mia ambizione e il mio grande obiettivo nella vita, ovvero rappresentare la Palestina e raggiungere un traguardo, anche personale, nello sport”.

La portavoce della Croce Rossa Suhair Zakkout ha affermato che i giocatori hanno raggiunto un nuovo primato dopo la formazione della prima squadra locale, nel 2019

“Oggi questi giocatori fanno la storia formando la prima squadra nazionale di calcio per amputati”, ha detto.

Zakkout ha affermato che i giocatori si stanno ora allenando per le partite di qualificazione che si terranno nel marzo 2022 in Iran. Se la squadra avrà successo, andrà alla Coppa del mondo di calcio per amputati, che si terrà in Turchia alla fine del 2022.

Fuad Abu Ghaliun, presidente della Palestine Amputee Football Association, ha affermato che il suo gruppo ha fatto domanda per unirsi alla World Amputee Football Federation nel 2019. La loro candidatura è stata accettata all’inizio di quest’anno.

Venerdì 3 dicembre è la Giornata internazionale delle persone con disabilità.

L’allenatore Simon Baker, lui stesso un amputato, ha detto che sta lavorando con i giocatori “in modo che le persone vedono il gioco, e non la persona con disabilità”.

“Vogliamo che le persone rispettino i giocatori e li vedano come  Ahmed o chiunque altro  e non come disabili. Vogliamo fare di questi giocatori degli eroi”, ha detto Baker, che ha fondato l’Irish Amputee Football Association.

La squadra si trova nella Striscia di Gaza assediata, i cui due milioni di residenti  vivono sotto uno schiacciante blocco israeliano da quando il movimento islamista Hamas ha preso il controllo nel 2007.

Le restrizioni e il blocco di Gaza da parte di Israele sono stati ampiamente descritti come punizioni collettive illegali.

Ahmed Abu Nar, 34 anni,  usa le stampelle e ha detto di essere stato ferito nel 2018 dalle forze israeliane che hanno brutalmente represso le proteste di Gaza conosciute come la “Grande Marcia del Ritorno”.

“Prima dell’infortunio ero una persona, e dopo l’infortunio sono diventato qualcun altro”, ha detto all’AFP. “È iniziata una nuova vita, sono iniziati nuovi obiettivi e nuove ambizioni e nuove sfide, e ora le sto raggiungendo”.

Traduzione Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” –Invictapalestina.com

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org