Gennaio 5, 2022
Da Inferno Urbano
46 visualizzazioni


La prigione aleggia permanentemente, come una nube minacciosa, sulla vita di coloro che non vogliono rassegnarsi a questo mondo fatto di autorità e di sfruttamento, schiacciando la vita di tante persone che lo Stato considera inutili o pericolose.

Portiamo nei nostri cuori i nomi, le parole e le azioni dei nostri compagni prigionieri in tutto il mondo.

Tra loro c’è Francisco Solar, un anarchico cileno che recentemente si è assunto, con forza e dignità, la responsabilità di aver fatto esplodere alcuni ordigni esplosivi, che hanno mandato in frantumi l’illusione di sicurezza tanto cara ai poliziotti, ai politici e ai ricchi. Così la paura finalmente ha cambiato di campo.

Nonostante la distanza e le mura che ci separano, abbiamo voluto mandargli un messaggio di solidarietà.

Così nella notte tra il 24 e il 25 dicembre abbiamo dato fuoco a un’auto appartenente ai costruttori di carceri Eiffage, e a un’altra con targa diplomatica, in rue Courat a Parigi.

Compagno di coraggio! Gli anarchici non ti dimenticano!

Un pensiero anche per Toby, compagno imprigionato in Inghilterra.

Fuoco alle prigioni, alle aziende che le costruiscono e al mondo che ne ha bisogno.

La solidarietà è l’attacco.

Alcuni anarchici

Fonte: attaque.noblogs.org

Traduzione: infernourbano




Fonte: Infernourbano.noblogs.org