Luglio 30, 2021
Da Infoaut
44 visualizzazioni


La fonte massima del potere sta nelle informazioni. In campo militare e industriale, in politica e in economia. Sapere è potere. E il Progetto Pegasus questo potere lo fornisce a clienti di tutto il mondo.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Di Umberto De Giovannangeli per globalist.it

L’inchiesta di Globalist si focalizza sullo spionaggio operato ai danni di giornalisti indipendenti e per questo scomodi a rais, dittatori, regimi totalitari e anche a chi non te l’aspetti. 

Le storie

La casa di Khadija Ismayilova a Baku era diventata come una prigione. In Azerbaigian, una nazione ricca di petrolio annidata vicino al Mar Caspio che dal 2014 ha sempre più soffocato la libertà di parola e il dissenso, le indagini della Ismayilova sulla famiglia al potere l’avevano resa un obiettivo primario del suo stesso governo. La giornalista investigativa azerbaigiana sapeva di essere costantemente osservata – e le era stato detto da amici e familiari che le avevano chiesto di spiarla. Le autorità le avevano dato il benservito: installando surrettiziamente delle telecamere in casa sua per riprenderla durante i rapporti sessuali; arrestandola e accusandola di aver spinto al suicidio un collega; e infine accusandola di frode fiscale e condannandola a sette anni di prigione.

È stata rilasciata su cauzione dopo 18 mesi e le è stato vietato di lasciare il paese per cinque anni. Così nel maggio 2021, alla fine del divieto di viaggio, quando Ismayilova ha impacchettato le sue cose e si è imbarcata su un aereo per Ankara, in Turchia, potrebbe aver pensato che si stava lasciando tutto questo alle spalle. Non sapeva che la spia più invasiva stava arrivando con lei. Per quasi tre anni, il telefono di Khadija Ismayilova è stato regolarmente infettato da Pegasus, uno strumento spyware altamente sofisticato sviluppato dalla società israeliana NSO Group che dà ai clienti accesso all’intero contenuto di un telefono e può anche accedere in remoto alla fotocamera e al microfono, secondo un’analisi forense del Security Lab di Amnesty International, in collaborazione con Forbidden Stories. “Tutta la notte ho pensato a cosa ho fatto con il mio telefono”, ha detto ai giornalisti dalla sua casa temporanea ad Ankara il giorno dopo aver saputo che il suo telefono era stato compromesso. “Mi sento in colpa per i messaggi che ho inviato. Mi sento in colpa per le fonti che mi hanno inviato [informazioni] pensando che alcuni modi di messaggistica criptata siano sicuri e non sapevano che il mio telefono è infetto”.

“Anche i miei familiari sono vittime”, ha aggiunto. “Le fonti sono vittime, le persone con cui ho lavorato, le persone che mi hanno detto i loro segreti privati sono vittime”.

Il progetto Pegasus

Ismayilova è uno dei quasi 200 giornalisti di tutto il mondo i cui telefoni sono stati selezionati come bersaglio dai clienti NSO, secondo il Progetto Pegasus, un’indagine rilasciata oggi da un consorzio globale di oltre 80 giornalisti di 17 media in 10 paesi, coordinato da Forbidden Stories con il supporto tecnico del Security Lab di Amnesty International. Affermando “considerazioni contrattuali e di sicurezza nazionale” NSO Group ha scritto in una lettera a Forbidden Stories e ai suoi media partner, che “non può confermare o negare l’identità dei nostri clienti governativi”. Forbidden Stories e i suoi media partner hanno contattato i 12 clienti governativi citati in questo progetto, i quali non hanno risposto alle domande entro la scadenza o hanno negato di essere clienti di NSO Group.

È impossibile sapere se uno specifico numero di telefono che appare nella lista sia stato compromesso con successo senza analizzare il dispositivo. Tuttavia, il Security Lab di Amnesty International, in collaborazione con Forbidden Stories, è stato in grado di eseguire analisi forensi sui telefoni di più di una dozzina di questi giornalisti, rivelando infezioni riuscite attraverso una falla di sicurezza negli iPhone già questo mese.

I numeri di telefono trapelati, che Forbidden Stories e i suoi partner hanno analizzato per mesi, rivelano per la prima volta la sconcertante scala della sorveglianza dei giornalisti e dei difensori dei diritti umani – nonostante le ripetute affermazioni di NSO Group che i suoi strumenti sono usati esclusivamente per colpire criminali gravi e terroristi – e confermano i timori dei sostenitori della stampa sulla portata dello spyware usato contro i giornalisti.

“I numeri mostrano chiaramente che l’abuso è diffuso, mettendo in pericolo la vita dei giornalisti, delle loro famiglie e dei loro collaboratori, minando la libertà di stampa e chiudendo i media critici”, ha detto Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International. “Si tratta di controllare la narrazione pubblica, resistere allo scrutinio, sopprimere ogni voce dissenziente”.

I giornalisti che appaiono in queste registrazioni hanno ricevuto minacce legali, altri sono stati arrestati e diffamati, e alcuni hanno dovuto fuggire dai loro paesi a causa della persecuzione – solo per scoprire in seguito che erano ancora sotto sorveglianza. In rari casi i giornalisti sono stati uccisi dopo essere stati selezionati come bersagli. Le rivelazioni di oggi rendono chiaro che la tecnologia è emersa come strumento chiave nelle mani di attori governativi repressivi e delle agenzie di intelligence che lavorano per loro. “Mettere sotto sorveglianza un giornalista ha un effetto agghiacciante molto forte”, ha detto a Forbidden Stories Carlos Martinez de la Serna, direttore del programma del Committee to Protect Journalists. “Questo è un problema molto, molto importante che tutti devono prendere sul serio, non solo nel contesto di dove i giornalisti lavorano in un ambiente ostile per il giornalismo, ma negli Stati Uniti e in Europa occidentale e in altri luoghi”.

NSO Group, in una risposta scritta a Forbidden Stories e ai suoi media partner, ha scritto che la segnalazione del consorzio era basata su “ipotesi sbagliate” e “teorie non corroborate” e ha ribadito che la società era in una “missione salvavita”.

“NSO Group nega fermamente le false affermazioni fatte nel vostro rapporto, molte delle quali sono teorie non corroborate che sollevano seri dubbi sull’affidabilità delle vostre fonti, così come la base della vostra storia”, ha scritto la società. “Le vostre fonti vi hanno fornito informazioni che non hanno alcuna base fattuale, come evidenziato dalla mancanza di documentazione di supporto per molte delle affermazioni”.

“La presunta quantità di ‘dati trapelati di più di 50.000 numeri di telefono, non può essere una lista di numeri presi di mira dai governi che utilizzano Pegasus, sulla base di questo numero esagerato”, ha aggiunto NSO Group.

In una lettera legale inviata a Forbidden Stories e ai suoi partner mediatici, NSO Group ha anche scritto: “NSO non ha conoscenza delle specifiche attività di intelligence dei suoi clienti, ma anche una comprensione rudimentale e di buon senso dell’intelligence porta alla chiara conclusione che questi tipi di sistemi sono utilizzati principalmente per scopi diversi dalla sorveglianza.”

Come un sospetto terrorista in Ungheria

Per Szabolcs Panyi, un giornalista investigativo di Direkt36 in Ungheria, apprendere che il suo cellulare era stato infettato dallo spyware Pegasus è stato “devastante”.

“Ci sono alcune persone in questo paese che considerano un normale giornalista pericoloso come qualcuno sospettato di terrorismo”, ha detto a Forbidden Stories attraverso una linea di comunicazione criptata.

Panyi è un pluripremiato  giornalista che ha scritto di difesa, affari esteri e altri argomenti sensibili e ha un rolodex di migliaia di contatti in diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, dove ha trascorso un anno con una borsa di studio Fulbright – rendendolo un obiettivo ideale per i servizi segreti, che sono noti per essere diffidenti dell’influenza degli Stati Uniti in Ungheria.

Panyi stava lavorando a due grandi scoop durante il periodo in cui il suo telefono è stato compromesso nel 2019. Forbidden Stories, in collaborazione con il Security Lab di Amnesty International, è stato in grado di confermare le infezioni di successo del suo telefono in un periodo di 9 mesi da aprile a dicembre. Queste infezioni, ha detto Panyi, spesso corrispondevano alle sue richieste ufficiali di commento e a importanti incontri con le fonti.

Una delle intrusioni digitali si è verificata quando stava lavorando su una storia sulla International Investment Bank, una banca sostenuta dalla Russia che nel 2019 stava spingendo per stabilire filiali a Budapest. Intorno a quel periodo, anche un fotoreporter fixer con cui lavorava è stato selezionato come bersaglio, secondo i registri a cui ha avuto accesso Forbidden Stories.

“È molto probabile che coloro che gestiscono questo sistema fossero interessati a ciò che questi giornalisti ungheresi e americani avrebbero scritto su questa banca russa”, ha detto Panyi.

Come Panyi, molti giornalisti che sono oggetto di minacce digitali e di sorveglianza informatica sono interessanti per le agenzie di intelligence statale a causa delle loro fonti, secondo Igor Ostrovskiy, un investigatore privato di New York City che in precedenza ha spiato giornalisti tra cui Ronan Farrow, Jodi Kantor e il reporter del Wall Street Journal Bradley Hope come subappaltatore per la società israeliana Black Cube e ora addestra i giornalisti alla sicurezza informatica.

“Sappiamo tutti che i giornalisti hanno una tonnellata di informazioni che passano per le loro mani, quindi questo potrebbe essere il motivo per cui la sicurezza dello stato potrebbe essere interessata”, ha detto. “La sicurezza dello stato potrebbe essere interessata a chi sta trapelando all’interno del governo, o all’interno di un business che è vitale per il governo, e potrebbero essere alla ricerca di quella fonte”.

India e Pakistan

In mezzo mondo, il telefono di Paranjoy Guha Thakurta, un giornalista investigativo indiano e autore di una serie di libri su affari e politica indiani, è stato violato nel 2018. Thakurta ha detto a Forbidden Stories che parlava spesso con una fonte a condizione di anonimato, e ha detto che al momento del suo targeting stava lavorando a un’indagine sulle finanze del defunto Drirubhai Ambani, un tempo l’uomo più ricco dell’India.

“Avrebbero saputo chi erano le nostre fonti”, ha detto Thakurta. “Lo scopo di entrare nel mio telefono e guardare chi sono le persone con cui sto parlando sarebbe quello di scoprire chi sono gli individui che hanno fornito informazioni a me e ai miei colleghi”.

Thakurta è uno degli almeno 40 giornalisti indiani selezionati come obiettivi di un cliente NSO che sembra essere il governo indiano, sulla base dell’analisi del consorzio dei dati trapelati. 

Il governo indiano ha precedentemente negato di essere un cliente di NSO Group. “Le accuse riguardanti la sorveglianza del governo su persone specifiche non hanno alcuna base concreta o verità associata ad essa”, ha scritto un portavoce del governo indiano in risposta alle domande dettagliate inviate da Forbidden Stories e dai suoi partner.

Mentre la precedente segnalazione indicava quattro giornalisti tra i 121 obiettivi di Pegasus rivelati in India nel 2019, i registri a cui Forbidden Stories ha avuto accesso mostrano che questa sorveglianza potrebbe essere stata molto più estesa.

Più di 2.000 numeri indiani e pakistani sono stati selezionati come obiettivi tra il 2017 e il 2019, tra cui giornalisti indiani di quasi tutti i principali media, tra cui The Hindu, Hindustan Times, l’Indian Express, India Today, Tribune e The Pioneer. Anche i giornalisti locali sono stati selezionati come obiettivi, tra cui Jaspal Singh Heran, il redattore capo di un outlet con sede nel Punjab che pubblica solo in Punjabi. I telefoni di due dei tre cofondatori del sito indipendente di notizie online The Wire – Siddharth Varadarajan e MK Venu – sono stati entrambi infettati da Pegasus, con il telefono di Venu violato recentemente a luglio. Un certo numero di altri giornalisti che lavorano o hanno contribuito all’organo di informazione indipendente – tra cui l’editorialista Prem Shankar Jha, il reporter investigativo Rohini Singh, il redattore diplomatico Devirupa Mitra e il collaboratore Swati Chaturvedi – sono stati tutti selezionati come obiettivi, secondo i registri cui hanno avuto accesso Forbidden Stories e i suoi partner, che includono The Wire.

“È stato allarmante vedere così tanti nomi di persone legate a The Wire, ma poi ci sono molte persone non legate al Wire”, ha detto Varadarajan, il cui telefono è stato compromesso nel 2018. “Quindi questa sembra essere una predisposizione generale a sottoporre i giornalisti a una sorveglianza di alto livello da parte del governo”.

Molti dei giornalisti che hanno parlato con Forbidden Stories e le loro organizzazioni di notizie partner hanno espresso sgomento per aver appreso che nonostante le precauzioni che avevano preso per proteggere i loro dispositivi – come l’utilizzo di servizi di messaggistica criptati e l’aggiornamento regolare dei loro telefoni – le loro informazioni private non erano ancora sicure.

“Ci siamo raccomandati a vicenda questo o quello strumento, come mantenere [i nostri telefoni] sempre più sicuri dagli occhi del governo”, ha detto Ismayilova. “E ieri ho capito che non c’è modo. A meno che tu non ti chiuda in una tenda di ferro, non c’è modo che non interferiscano nelle tue comunicazioni”.

Panyi temeva che la conoscenza pubblica del suo bersaglio potesse dissuadere le fonti dal mettersi in contatto con lui in futuro.  “È la preoccupazione di ogni giornalista che è stato preso di mira: una volta rivelato che sei stato sorvegliato e che anche i nostri messaggi riservati potrebbero essere stati compromessi, chi diavolo parlerà con noi in futuro? “Tutti penseranno che siamo tossici, che siamo un peso”.

Il Progetto di spionaggio Pegasus: ecco chi sono i giornalisti scomodi nel mirino

Una minaccia planetaria. Che rende lo scenario profetizzato da George Orwell in 1984 un approdo ottimistico. Il Progetto Pegasus mina le libertà fondamentali: il diritto alla privacy, quello all’informazione.

Una minaccia planetaria. Che rende lo scenario profetizzato da George Orwell in 1984 un approdo ottimistico. Il Progetto Pegasus mina le libertà fondamentali: il diritto alla privacy, quello all’informazione. Questa è la seconda puntata dell’inchiesta di Globalist in un mondo iper sorvegliato. 

‘Leggere alle spalle’

Le analisi forensi di Amnesty International Security Lab dei telefoni cellulari presi di mira con Pegasus come parte del progetto Pegasus sono coerenti con le analisi passate dei giornalisti presi di mira attraverso lo spyware di NSO, comprese le decine di giornalisti presumibilmente violati negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita e identificati da Citizen Lab nel dicembre dello scorso anno.

In più dell’85 per cento delle analisi forensi fatte con gli iPhone che sono stati utilizzati da potenziali vittime al momento della selezione del loro numero hanno rivelato tracce di attività del software NSO.

Una volta installato con successo sul telefono, lo spyware Pegasus dà ai clienti NSO l’accesso completo al dispositivo e quindi la possibilità di bypassare anche le app di messaggistica crittografata come Signal, WhatsApp e Telegram. Pegasus può essere attivato a piacimento fino a quando il dispositivo viene spento. Non appena viene riacceso, il telefono può essere reinfettato.

“Se qualcuno sta leggendo sopra la tua spalla, non importa che tipo di crittografia è stata utilizzata”, ha detto Bruce Schneier, un criptologo e un collega al Berkman Center for Internet and Society di Harvard. Nel rapporto di trasparenza 2021 di NSO Group, una frase appare tre volte: “salvare vite”.

“Il nostro obiettivo”, scrive l’azienda a un certo punto, “è quello di aiutare gli stati a proteggere i loro cittadini e salvare vite.” Eppure il preoccupante uso dello spyware NSO contro i giornalisti e i loro familiari, come identificato nel Progetto Pegasus e in precedenti rapporti di Ong per i diritti digitali, getta dubbi su questa narrazione.

 

Il 2 ottobre 2018, intorno alle 13, l’editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi è entrato nel consolato saudita in Turchia e non è più uscito. L’assassinio sfacciato del giornalista dissidente ha avviato un’ondata di risposte globali, con i leader mondiali, i gruppi per i diritti umani e i cittadini preoccupati che chiedono un’indagine approfondita sul suo omicidio – e la potenziale implicazione dello spyware di NSO Group in esso.

Un giorno prima del suo omicidio, l’organizzazione per i diritti digitali Citizen Lab ha riferito che un amico intimo di Khashoggi, Omar Abdulaziz, era stato preso di mira con Pegasus di NSO nei mesi prima dell’omicidio di Khashoggi. NSO, da parte sua, ha ripetutamente detto che ha accesso a un “kill switch” e che ha revocato l’accesso ai clienti quando i diritti umani non sono rispettati.

L’azienda ha categoricamente negato qualsiasi coinvolgimento nell’omicidio di Khashoggi.

Ma nuove rivelazioni di Forbidden Stories e dei suoi partner hanno scoperto che lo spyware Pegasus è stato installato con successo sul telefono della fidanzata di Khashoggi, Hatice Cengiz, appena quattro giorni dopo l’omicidio. Il telefono del figlio di Khashoggi, Abdullah, è stato selezionato come obiettivo di un cliente NSO che sembra essere il governo degli Emirati Arabi Uniti, sulla base dell’analisi del consorzio dei dati trapelati, diverse settimane dopo l’omicidio. Amici stretti, colleghi e membri della famiglia del giornalista assassinato sono stati tutti selezionati come obiettivi dai clienti di NSO che sembrano essere i governi dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, secondo le rivelazioni del Pegasus Project rilasciate oggi.

Libertà di parola?

NSO Group sostiene che la sua tecnologia è utilizzata esclusivamente dalle agenzie di intelligence per rintracciare criminali e terroristi. Secondo il rapporto di trasparenza e responsabilità di NSO Group, rilasciato nel giugno 2021, l’azienda ha 60 clienti in 40 paesi del mondo.

“[Pegasus] non è una tecnologia di sorveglianza di massa, e raccoglie solo dati dai dispositivi mobili di individui specifici, sospettati di essere coinvolti in gravi crimini e terrorismo”, ha scritto NSO Group nel rapporto.

Anche se l’azienda dice anche che ha una lista di 55 paesi a cui non venderà a causa dei loro record di diritti umani, questi paesi non sono elencati nel rapporto. Secondo il rapporto, NSO Group ha revocato l’accesso a cinque clienti dal 2016 dopo indagini sull’uso improprio e ha terminato i contratti con altri cinque che non rispettavano gli standard dei diritti umani.

“NSO Group continuerà a indagare su tutte le denunce credibili di uso improprio e prenderà le azioni appropriate in base ai risultati di queste indagini”, ha scritto NSO Group nella sua dichiarazione a Forbidden Stories e ai suoi media partner. “Questo include lo spegnimento del sistema di un cliente, qualcosa che NSO ha dimostrato di avere (sic) capacità e volontà di fare, a causa di un abuso confermato, l’ha fatto più volte in passato, e non esiterà a farlo di nuovo se una situazione lo giustifica”. Eppure i dati trapelati mostrano che molti altri governi autoritari noti per reprimere la libertà di parola rimangono clienti.

Come parte del Progetto Pegasus, Forbidden Stories ha potuto documentare l’uso di Pegasus per la prima volta in Azerbaigian. Più di 40 giornalisti azerbaigiani sono stati selezionati come bersaglio, compresi i reporter di Azadliq.info e Mehdar TV, due degli unici media indipendenti rimasti nel paese.

In Azerbaigian, la maggior parte delle testate giornalistiche indipendenti sono bloccate e i familiari dei giornalisti sono stati regolarmente molestati dalle autorità. Sotto il presidente Ilham Aliyev, la cui famiglia ha governato l’Azerbaigian per decenni, lo spazio per le voci critiche – secondo Human Rights Watch – è stato “virtualmente estinto”.

Il telefono del giornalista freelance Sevinc Vaqifqizi è stato compromesso tra il 2019 e il 2021, secondo un’analisi condotta dal Security Lab di Amnesty International, in collaborazione con Forbidden Stories. Come reporter freelance per Mehdar TV, Vaqifqizi aveva già ricevuto una serie di minacce, e nel febbraio 2020 è stata malmenata mentre copriva una protesta.

La reporter, ha detto ai giornalisti del consorzio Forbidden Stories di aver già dato per scontato che il governo avesse accesso alle sue informazioni private.

“Ho sempre detto ai miei amici che possono ascoltarci”, ha affermato. “Sono preoccupata per le mie fonti che si fidano di noi e ci scrivono su WhatsApp. Se affrontano qualche problema, non è un bene per noi”.

Anche se attualmente si trova in Germania per una borsa di studio di tre mesi, non si è sentita al sicuro dalle autorità. Come Amnesty International e altri hanno documentato, gli attivisti azeri sono stati presi di mira fisicamente e digitalmente anche dopo aver lasciato il paese.

“Se hai un telefono, probabilmente possono continuare [a prenderti di mira] in Germania”,dice. . 

Fuori dalla vista, non fuori portata

Le pareti dell’ufficio di Hicham Mansouri alla Maison des Journalistes (Casa dei Giornalisti) a Parigi sono coperte di manifesti di Reporter senza frontiere e di altre organizzazioni per la libertà di stampa. Il giornalista viveva nell’edificio, che è anche uno spazio espositivo e una residenza per giornalisti rifugiati. Da allora si è trasferito, ma condivide ancora un piccolo ufficio al piano terra dove va a lavorare tre volte a settimana.

Prima di parlare con Forbidden Stories, Mansouri ha spento il suo telefono in prestito e lo ha sepolto nel suo zaino. Secondo un’analisi forense del Security Lab di Amnesty International, il precedente iPhone di Mansouri era stato infettato da Pegasus più di 20 volte durante un periodo di tre mesi da febbraio ad aprile 2021.

Mansouri, un giornalista investigativo freelance e cofondatore dell’Associazione marocchina dei giornalisti investigativi (AMJI, dalle sue iniziali francesi) che sta lavorando a un libro sul commercio illegale di droga nelle prigioni marocchine, è fuggito dal Marocco nel 2016 dopo numerose minacce legali e fisiche contro di lui.

Nel 2014, è stato picchiato da due aggressori sconosciuti dopo aver lasciato un incontro con i difensori dei diritti umani, tra cui lo storico Maati Monjib, che è stato poi preso di mira con Pegasus. Un anno dopo, agenti dei servizi segreti armati hanno fatto irruzione nella sua casa alle 9 del mattino, trovando lui e un’amica nella sua camera da letto insieme.

Lo hanno spogliato nudo e arrestato per “adulterio”, che è un crimine in Marocco. Trascorse 10 mesi nella prigione di Casablanca, in una cella riservata ai criminali più gravi che i detenuti avevano soprannominato “La Poubelle”, o “La pattumiera”.

Il giorno dopo il suo rilascio dalla prigione, Mansouri ha lasciato il Marocco per la Francia, dove ha chiesto e ottenuto l’asilo.

 Cinque anni dopo, Mansouri ha scoperto di essere ancora un bersaglio del governo marocchino.

“Ogni regime autoritario vede il pericolo ovunque”, ha detto Mansouri a Forbidden Stories. “Noi non ci vediamo come pericolosi perché facciamo cose che consideriamo legittime, che sappiamo essere nei nostri diritti, ma per loro sono pericolose”.

“Hanno paura delle scintille, perché sanno che sono infiammabili”, ha aggiunto.

Almeno 35 giornalisti in quattro paesi sono stati selezionati come obiettivi da un cliente di NSO che sembra essere il governo marocchino, in base all’analisi del consorzio dei dati trapelati. Molti dei giornalisti marocchini selezionati come obiettivi sono stati ad un certo punto arrestati, diffamati o presi di mira in qualche modo dai servizi segreti. Altri che sono stati selezionati come obiettivi – tra cui in particolare i direttori di giornale Taoufik Bouachrine e Soulaimane Raissouni – sono attualmente in prigione con accuse che le organizzazioni di difesa dei diritti umani sostengono siano state strumentalizzate in uno sforzo per chiudere il giornalismo indipendente in Marocco.

In una dichiarazione condivisa con Forbidden Stories e i suoi partner, un rappresentante dell’ambasciata marocchina ha scritto di non aver “capito il contesto” delle domande inviate dal consorzio e di essere “in attesa di prove materiali” di “qualsiasi relazione tra il Marocco e la società israeliana indicata”.

Bouachrine, l’editore di Akhbar al-Youm, è stato arrestato nel febbraio 2018 con l’accusa di traffico di esseri umani, aggressione sessuale, stupro, prostituzione e molestie. Delle 14 donne che avrebbero accusato Bouachrine, 10 si sono presentate in tribunale e cinque hanno dichiarato che Bouachrine era innocente, secondo CPJ.

L’editore aveva precedentemente scritto op-editoriali critici nei confronti del regime marocchino, accusando vari funzionari governativi di alto livello di corruzione. È stato condannato a 15 anni di prigione e ha trascorso più di un anno in isolamento.

Forbidden Stories e i suoi partner hanno potuto confermare che i numeri di almeno due donne coinvolte nel caso sono stati selezionati come obiettivi di Pegasus.

Anche il successore di Bouachrine, Soulaiman Raissouni, è stato arrestato con l’accusa di aggressione sessuale nel maggio 2020, ed è stato condannato a cinque anni di prigione nel luglio 2021. Raissouni è stato accusato di aggressione da un attivista LGBTQ, Adil Ait Ouchraa, che ha detto a CPJ di non essersi sentito a suo agio a presentare una denuncia pubblica a causa della sua identità sessuale. Giornalisti e sostenitori della libertà di stampa hanno detto a CPJ di credere che la denuncia sia stata presentata come ritorsione contro Raissouni. Nel 2021, ancora in attesa del processo, Raissouni ha iniziato uno sciopero della fame che è durato, al momento in cui scriviamo, più di 100 giorni. I suoi familiari hanno detto che dopo 76 giorni era in condizioni critiche.

“Lo scopo [della sorveglianza] è presumibilmente quello di tracciare la vita privata degli individui al fine di trovare un gancio su cui possono appendere qualsiasi grande processo”, ha detto Ahmed

Benchemsi, un ex giornalista e fondatore delle organizzazioni di media indipendenti TelQuel e Nichane che ora dirige le comunicazioni per la regione MENA di Human Rights Watch. Mentre in passato i giornalisti marocchini venivano abitualmente colpiti da attacchi legali per le cose che scrivevano – come la diffamazione o la mancanza di rispetto per il re – la nuova tattica era quella di accusarli di crimini più gravi come lo spionaggio e più tardi lo stupro e la violenza sessuale, ha detto. La sorveglianza è emersa come uno strumento chiave per raccogliere informazioni personali che potevano essere utilizzate a questi fini.

“C’è spesso una scheggia di verità in una grande massa di calunnie, ma quella scheggia di verità è di solito qualcosa di personale e riservato che può venire solo dalla sorveglianza”, ha detto.

Anche i giornalisti stranieri che hanno coperto la situazione dei giornalisti marocchini sono stati selezionati come obiettivi e in alcuni casi i loro telefoni sono stati infettati con successo.

Il telefono di Edwy Plenel, il direttore e uno dei cofondatori di Mediapart, un outlet di giornalismo investigativo francese, è stato compromesso nell’estate del 2019, secondo un’analisi del Security Lab di Amnesty International che è stata rivista tra pari dall’organizzazione per i diritti digitali Citizen Lab.

Nel giugno di quell’anno, Plenel aveva partecipato a una conferenza di due giorni a Essaouira, in Marocco, su richiesta di un giornalista partner di Mediapart – Ali Amar, il fondatore della rivista investigativa marocchina LeDesk – il cui numero di telefono appare anche nei record a cui ha avuto accesso Forbidden Stories. All’evento, Plenel ha rilasciato una serie di interviste in cui ha parlato delle violazioni dei diritti umani commesse dallo stato marocchino. Al suo ritorno a Parigi, processi sospetti hanno cominciato ad apparire sul suo dispositivo.

“Abbiamo lavorato con Ali Amar; abbiamo pubblicato alcune inchieste insieme e io conoscevo Ali Amar, un po’ come conosco molti dei giornalisti che lottano per una stampa libera in Marocco”, ha detto Plenel in un’intervista a Forbidden Stories. “Così quando ho saputo della mia sorveglianza, tutto questo ha avuto senso”.

Plenel ha detto che l’aver preso di mira il suo telefono e quello di un’altra giornalista di Mediapart, Lenaig Bredoux, con Pegasus era molto probabilmente un “cavallo di Troia mirato ai nostri colleghi marocchini”.

Come Mansouri, molti giornalisti marocchini sono fuggiti dal paese o hanno smesso di fare giornalismo. Il giornale di Raissouni e Bouachrine, Akhbar al-Yaoum, gravato dai loro arresti consecutivi e dalla pressione finanziaria, ha smesso di pubblicare nel marzo 2021.

“C’era spazio per la libertà di parola in Marocco circa 10 o 15 anni fa”, ha detto Benchemsi. “Non c’è più. È finita. Sopravvivere oggi significa interiorizzare un alto livello di autocensura, a meno che tu non sostenga le autorità, ovviamente.”

Potrebbe interessarti

  • ||||

    Con la scusa della pedofilia, l’Ue straccia le sue norme a tutela della privacy e consente per tre anni

  • ||||

    I dati biometrici, specialmente le caratteristiche facciali e l’iride, non solo identificano una persona, ma sono anche di enorme rilevanza per interpretare le emozioni, il

  • ||||

    Sorveglianza predittiva; riconoscimento facciale; elezioni Usa. E poi censura; e trojan… what else?

    Guerre di Rete – una

  • ||||

    Tra tecnologia, scienze cognitive e utopia negativa: presente e futuro secondo Shoshana Zuboff

    L’espressione “capitalismo della sorveglianza”, coniata

  • Hacking Team, i "nemici di internet", attaccati da Privacy International e Anonymous

    Qualcuno già se ne era accorto da un po’ che l’azienda informatica Hacking Team di Milano non è semplicemente un gruppo di addetti ai lavori




Fonte: Infoaut.org