Luglio 21, 2021
Da Infoaut
72 visualizzazioni


Il 19 luglio segna il nono anniversario dell’inizio della Rivoluzione del Rojava. In occasione di questo anniversario, il PKK ha rilasciato una dichiarazione incentrata sul significato globale di questa democrazia e della rivoluzione per la liberazione delle donne. La dichiarazione del Comitato Esecutivo del PKK recita come segue:

||||

.itemImageBlock { display: none; }

“Ora stiamo entrando nel decimo anno dal 19 luglio 2012, la data in cui è iniziata la Rivoluzione per la libertà del Rojava. Questa rivoluzione ha brillato nel mondo come una stella per nove anni;è un nuovo faro di speranza per tutta l’umanità, specialmente per le donne, i giovani ei lavoratori. La rivoluzione mostra a tutti che è possibile creare un mondo in unità fraterna e democratica.

Questa rivoluzione ha sconfitto il criminale ISIS , calamità per i curdi, in particolare le donne, e i popoli del Medio Oriente e del mondo. Questa rivoluzione è la prima completa attuazione pratica della “teoria della modernità democratica” del leader Apo (Abdullah Ocalan) e ha creato un importante accumulo di esperienze rivoluzionarie con lezioni. Su questa base, salutiamo lo spirito, la volontà e il coraggio rivoluzionario del 19 luglio. Ci congratuliamo con tutto il popolo della Siria settentrionale e orientale, in particolare con il popolo del Rojava per i loro successi democratici, rivoluzionari collettivi.

Ci congratuliamo con la rivoluzione della libertà del Rojava per tutte le forze per la libertà, il nostro popolo e i popoli del Medio Oriente, le donne e tutti gli oppressi, ma soprattutto il leader Apo. Rendiamo omaggio a tutti i nostri eroici martiri nella persona dei grandi leader rivoluzionari del Rojava, Şîlan Kobanê e Xebat Dêrik. In particolare, salutiamo tutti coloro che stanno conducendo la guerra di liberazione contro l’occupazione ad Afrin, Girê Sipî e Serêkaniyê e auguriamo loro il più grande successo.

La rivoluzione del nord e dell’est della Siria è una rivoluzione per la libertà delle donne

Siamo convinti che anche se questa rivoluzione ha avuto luogo in una piccola regione, è una parte inseparabile della rivoluzione democratica della Siria, del Kurdistan e del Medio Oriente. Pertanto ha attirato l’attenzione di tutti gli oppressi, in particolare le donne e i giovani, e ha posto le basi per un sistema democratico alternativo alla modernità capitalista.

Soprattutto attraverso la lotta contro lo Stato Islamico, la rivoluzione ha dimostrato il suo carattere internazionalista. Le inizitive si sono svolte in tutto il mondo e persone di molti popoli del mondo sono state organizzate in unità per la guerra contro lo Stato Islamico. Anche qui vediamo e comprendiamo che la Rivoluzione per la libertà del Rojava, pur contenendo caratteristiche nazionali e democratiche, è essenzialmente una rivoluzione di liberazione delle donne. Fin dall’inizio è stato realizzato in tutti gli ambiti di lavoro e di lotta un modello basato sulla leadership delle donne. Questo è stato più che evidente negli ultimi nove anni di processo rivoluzionario. Pertanto, è stato chiaramente dimostrato che si può creare una vita sociale basata sulla libertà delle donne. È stato così chiarito a tutti che questo sarà il carattere fondamentale del nuovo secolo.

Una rivoluzione della verità

Ma la rivoluzione del Rojava è anche una rivoluzione della verità. Si basa sulla teoria della modernità democratica del leader Apo. Su questa base è chiaro che si è sviluppato nella forma della costruzione di una nazione democratica basata su una comune libera, individuale e democratica e sull’autonomia democratica di tutte le diversità. Su questa base si è sviluppato il modello di autonomia democratica, basato sull’individuo libero e su una comune democratice e comprensiva di tutte le diversità, nella forma della nazione democratica. È una rivoluzione della mentalità e del modo di vivere. Si basa sulla creazione di un individuo libero e di una società democratica. Tutto questo avviene con l’educazione e la persuasione a livello di mobilitazione. A causa di questo carattere la rivoluzione è aperta ai più diversi tipi di relazioni e alleanze. È un’esperienza rivoluzionaria che offre lezioni molto ricche sotto ogni aspetto.

Nove anni di persistenza della rivoluzione sono di per sé una conquista

La Rivoluzione della libertà del Rojava che crea tali valori e ricchezza, sta ora entrando nel suo decimo anno. In un contesto in cui i sistemi statali patriarcali e basati sulla politica di potere hanno esteso il loro dominio basato sull’oppressione e sullo sfruttamento in tutto il mondo, il fatto stesso che la Rivoluzione della libertà del Rojava sia esistita e si sia sviluppata per nove anni è di per sé un grande risultato. Inoltre, è diventato evidente che ha fatto importanti sviluppi negli ultimi nove anni nonostante le sue carenze e perdite. Riteniamo che nel decimo anno si realizzeranno nuovi traguardi rivoluzionari superando ancora più errori e carenze.

Continuerà la costruzione sociale, economica e culturale

Come è noto, il decimo anno rappresenta una svolta importante nella vita. Perché permette in ogni modo di riflettere e fare il punto su quanto è accaduto e su quanto si è creato.Offre la possibilità di trarre lezioni profonde dal passato, di rinnovarsi e di progettare un futuro forte.Crediamo che nel decimo anno la rivoluzione della libertà sarà vista allo stesso modo e che si apprenderanno ricche lezioni dagli ultimi nove anni attraverso una profonda critica e autocritica sulla falsariga della modernità democratica.

Così, il decimo anno della rivoluzione diventerà un anno di offensiva per l’approfondimento e la continuazione della rivoluzione. Non c’è momento di pausa in questa rivoluzione della verità, una rivoluzione della mentalità e del modo di vivere. È permanente.La cosa decisiva è perseguire la vita libera nell’amore. Con il potere del pensiero e della pratica, bisogna cercare costantemente la vita buona, vera, bella e libera e quindi sforzarsi di raggiungere la verità di una vita giusta. In questo senso, è certo che la rivoluzione della libertà del Rojava, che è anche una rivoluzione della verità, si nel suo decimo anno si approfondirà e si svilupperà ulteriormente. È diventato chiaro che attraverso una corretta comprensione dell’autodifesa e della pratica corrispondente, sarà rafforzata la difesa della società. Basato sull’autodifesa, sarà promosso lo sviluppo economico, sociale, politico e culturale della società. La leadership della rivoluzione da parte di donne e giovani sarà ulteriormente rafforzata eliminando le carenze. Con la giusta linea politica e una diplomazia efficace, i pericoli della rivoluzione possono essere evitati. Crediamo che questo sia possibile e che le forze per la libertà del nord e dell’est della Siria abbiano la consapevolezza e la forza per fare tutto questo. Su questa base, ancora una volta diamo il benvenuto all’inizio del decimo anno della rivoluzione della libertà del Rojava e auguriamo ai popoli della Siria settentrionale e orientale ogni successo nel decimo anno della rivoluzione!”

ANF

Traduzione a cura di Rete Kurdistan

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org